Roma, 4 febbraio 2021 – “Ogni morto sul lavoro è un morto di troppo e lo stesso vale per gli infortuni. Il gruppo Fs ha risposto positivamente alla nostra richiesta e ha dato la sua disponibilità ad avviare una campagna straordinaria per la sicurezza sui luoghi di lavoro che coinvolgerà tutte le lavoratrici e tutti i lavoratori del gruppo”. Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti e Fast-Confsal, a valle dell’incontro col gruppo Fs, in una nota indicano già le prime date della serie di incontri per costruire la campagna: il prossimo 5 febbraio con Rfi e il 10 con Trenitalia.
Si entrerà maggiormente nel merito, andando ad integrare o sviluppare meglio le questioni relative alla sicurezza che riteniamo di approfondire, “tenendo in considerazione anche ciò che gli ultimi incidenti ferroviari hanno evidenziato in termini di forti criticità presenti”.
L’iniziativa ha lo scopo di rafforzare la cultura della sicurezza in tutti i luoghi di lavoro attraverso un aggiornamento del sistema di gestione della sicurezza delle società del gruppo Fs con l’obiettivo di adeguare e integrare, con momenti di formazione ed informazione, l’attuale sistema di sicurezza del lavoro in ferrovia in modo da coinvolgere tutte le componenti del ciclo produttivo e limitare al massimo i rischi da interferenza, in particolare nel settore appalti ferroviari e dove si incrociano lavoratori appartenenti a società diverse.
“Abbiamo condiviso anche la necessità di avviare una campagna straordinaria di sensibilizzazione sul tema generale della sicurezza sul lavoro – conclude la nota – a partire dalla formazione in aula, che veda coinvolte tutte le società del gruppo Fs”.