Roma, 4 agosto 2021 – In due aziende di Sacile, in provincia di Pordenone, ieri si sono verificati due incidenti gravi a poca distanza di tempo uno dall’altro: un operaio di 62 anni dell’azienda Piero Della Valentina è rimasto ustionato a seguito di una scarica elettrica, e un operaio cinquantenne della Karton è rimasto ferito dopo il contatto con un macchinario. Nel primo caso, l’uomo era intento nella pulizia in una cabina elettrica all’interno dell’azienda. Ha urtato accidentalmente alcuni cavi, riportando ustioni alla schiena. È stato trasferito con l’elisoccorso all’ospedale di Udine, la prognosi è riservata ma non è in pericolo di vita. Nel secondo episodio, durante le operazioni di caricamento di alcune lastre, l’operaio è rimasto incastrato con gli arti inferiori in un macchinario robotizzato che stava manovrando. Prontamente soccorso è stato condotto in ospedale a Pordenone. Le condizioni sono serie ma non è in pericolo di vita.
In un altro incidente sul lavoro a Lonato del Garda, in provincia di Bergamo, ieri poco prima delle 18, un giardiniere di 43 anni che si trovava sul tetto di un capannone condiviso da una carrozzeria e da una falegnameria ha fatto un volo di circa quattro metri a causa del cedimento della struttura. Fortunatamente l’uomo è caduto seduto, senza riportare lesioni gravi. Non ha mai perso coscienza. 
Si chiamava Claudio Lupano, infine, e aveva 63 anni l’uomo che ieri è stato vittima dell’ennesimo tragico incidente sul lavoro in provincia di Alessandria. Secondo la ricostruzione, l’idraulico stava impiegando un martello pneumatico e un trapano quando, con i piedi nell’acqua, è andato a toccare i cavi elettrici, rimanendone folgorato.