Fondo Previdenza Casalinghe: novità sulla domanda

Roma, 14 giugno 2022 – Con un Messaggio del 2013, l’INPS aveva informato che le domande di iscrizione al ‘Fondo di previdenza per le persone che svolgono lavori di cura non retribuiti derivanti da responsabilità familiari’ (c.d. Fondo Casalinghe e Casalinghi) devono essere presentate in via telematica attraverso il portale dell’Istituto.
Con il nuovo Messaggio n. 2378/2022, l’INPS ha illustrato le nuove modalità telematiche di presentazione della domanda e le procedure per il pagamento online dei contributi per mezzo del portale Fondo Previdenza Casalinghe.
L’Istituto ricorda che l’accesso al servizio è condizionato alla autenticazione attraverso SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale) almeno di II livello, CIE (Carta d’Identità Elettronica) e CNS (Carta Nazionale dei Servizi). Una volta effettuato l’accesso, l’utente dovrà sottoscrivere le dichiarazioni sostitutive e l’informativa sul trattamento dei dati personali. Al termine dell’operazione, è possibile stampare la ricevuta contenente il codice identificativo della domanda. L’INPS, inoltre, ricorda che il servizio è disponibile anche per i Patronati, presso i quali è possibile recarsi per presentare la domanda.
A meno che non siano rilevate condizioni ostative all’iscrizione, la domanda è accolta in automatico. Ad ogni modo, il cittadino iscritto potrà iniziare ad effettuare i versamenti contributivi una volta ricevuto il provvedimento di accoglimento. Le nuove procedure informatiche permettono il pagamento dei contributi attraverso la piattaforma “Nodo dei Pagamenti” tramite avviso di pagamento PagoPA. L’accesso deve essere effettuato – tramite SPID, CIE e CNS – nel Portale dei Pagamenti sulla home page del sito INPS, all’interno del quale è presente una sezione dedicata al Fondo Casalinghe e Casalinghi. È importante sottolineare che il versamento «può essere effettuato in qualsiasi momento dell’anno e con importo libero, anche se la soglia minima per l’accredito di un mese di contribuzione è di 25,82 euro».

Fonte: INPS, 13 giugno 2022