PER AGGIORNAMENTI, CONDIVISIONE E COMMENTI CI TROVI ANCHE SUI SEGUENTI SOCIAL

PER AGGIORNAMENTI, CONDIVISIONE E COMMENTI CI TROVI ANCHE SUI SEGUENTI SOCIAL

Home E News E Ex Ilva, in Senato Riondino “abbandonati dalle Istituzioni”

Ex Ilva, in Senato Riondino “abbandonati dalle Istituzioni”

Ex Ilva, in Senato Riondino “abbandonati dalle Istituzioni”

Roma, 14 febbraio 2024 – In occasione della presentazione del nuovo film “Palazzina Laf” – in cui Michele Riondino è regista e attore – ieri  in Senato su iniziativa del Sen. Mario Turco, Riondino si è detto deluso dal governo e dall’opposizione in quanto assenti.
Alla sua indignazione e a quella di molti operai per quanto sta accadendo attorno all’ex Ilva, si unisce anche il cantante Antonio Diodato che per il film ha composto la canzone “La mia terra”.
“A Taranto si muore di lavoro, non si vive di lavoro”, ha denunciato Riondino che ha aggiunto di aver “faticato ad accettare questa giornata”. Il pensiero è per i “5mila cassintegrati che subiscono l’umiliazione di stare a casa e non fare nulla, proprio come i lavoratori della palazzina Laf. La verità è che non ci sono le condizioni perché quella fabbrica possa continuare a produrre senza uccidere gente”, ha sottolineato ricordando che “gli impianti sono sequestrati”.
Mentre da Palazzo Chigi rimbalza la convocazione dei sindacati sul dossier ex Ilva lunedì prossimo, i due artisti non si mostrano molto fiduciosi.
“A Taranto è in atto una rivoluzione – ha osservato Diodato -. Lo sguardo dei cittadini sta cambiando, e non c’è niente di più doloroso di vedere come venga ignorata una città che tenta di risollevarsi. Chiederei ai presenti di fare qualcosa per questi giovani che lottano, credono nella loro terra e hanno ancora speranza. Vi chiedo di avere a cuore le loro aspirazioni, fatelo per chi crede in un futuro migliore”.
Il Senatore Turco, tarantino di nascita ha sottolineato che: “Michele Riondino ha voluto mettere la politica tutta di fronte alle proprie responsabilità. Diverse forze politiche di opposizione a partire da noi del M5s hanno deciso di metterci la faccia. Sorprende e rammarica la totale assenza di membri del governo e dei colleghi di maggioranza, puntualmente invitati. Ascoltare quanto si è detto oggi non avrebbe fatto loro male”.

La Rete ANMIL

SCOPRI IL NOSTRO 5 X 1000

COME UTILIZZIAMO IL VOSTRO SOSTEGNO