Ex-Ilva, appello a Cingolani per la chiusura dell’area a caldo

Roma, 1 luglio 2021 – Torna alla ribalta la vicenda della chiusura dell’area a caldo dell’ex-Ilva di Taranto. Dopo il no del Consiglio di Stato in risposta ad una iniziativa del sindaco di Taranto, stavolta a prendere l’iniziativa è “Il Comitato per la Salute e per l’Ambiente” e il Wwf. Le due associazioni si rivolgono direttamente al ministro della Transizione ecologica Roberto Cingolani per chiedere “il fermo della produzione dell’area a caldo in quanto – sostengono – al danno ambientale è associato un danno sanitario scientificamente acclarato e certificato”.
Le associazioni – che oggi hanno protestato sotto la Prefettura – intendono presentare l’istanza tramite il prefetto Demetrio Martino, con una richiesta di intervento per danno o minaccia di danno ambientale, in base all’articolo 309 del Codice dell’Ambiente.
Per gli ambientalisti una “vasta mole di documentazione ormai disponibile” evidenzia “oggettive situazioni di pericolo per la salute pubblica emerse dopo il 2012”, quando furono sequestrati gli impianti nell’ambito dell’inchiesta Ambiente Svenduto: esistono gli studi epidemiologici, la Valutazione del danno sanitario, la sentenza Cedu di condanna dell’Italia per i mancati controlli sulle emissioni, i pericoli evidenziati dal Tar di Lecce chiamato a valutare l’ordinanza di fermo dell’area a caldo del sindaco Rinaldo Melucci e le considerazioni del Consiglio di Stato, che pur annullando quell’ordinanza, ha “confermato – conclude il Comitato – la presenza di una problematica di carattere ambientale e sanitario, definendola ‘pacifica’ e ormai acquisita. La documentazione scientifica sarà portata all’attenzione anche della Procura della Repubblica”.
Le due associazioni tuttavia apprezzano “la necessità del fermo della batteria 12 della cokeria di Taranto”, dopo il decreto dello stesso ministero che nega la proroga per la prescrizione ambientale con il “conseguenziale fermo dell’area a caldo dell’Ilva considerata – fa rilevare il Comitato – causa di un rischio inaccettabile per la salute in base alla recente Valutazione Danno Sanitario realizzata in contraddittorio con ArcelorMittal Italia e basata sugli attuali dati produttivi ed emissivi autorizzati fino a 6 milioni di tonnellate/anno di acciaio”. Il decreto di Cingolani dispone che le operazioni di fermata della batteria 12 inizino oggi e si concludano entro 10 giorni. In una intervista al Sole 24Ore l’ad Lucia Morselli ha dichiarato di aver già presentato ricorso al Tar del Lazio contro il fermo dell’impianto.

One thought on “Ex-Ilva, appello a Cingolani per la chiusura dell’area a caldo

  • It’s going to be finish of mine day, however before ending I am reading this wonderful piece
    of writing to increase my experience.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.