Esplode fabbrica fuochi d’artificio: almeno 18 morti

Roma, 17 gennaio 2024 – Sono almeno 18 le persone che hanno perso la vita nell’esplosione di una fabbrica di fuochi d’artificio nella provincia di Suphanburi, in Thailandia. Uno scenario apocalittico, stando al racconto dei soccorritori, composto da detriti e cadaveri. 
L’esplosione è avvenuta intorno alle ore 15 (ora locale) in una zona distante circa 120 chilometri da Bangkok. 
La polizia ha confermato che la causa dell’incidente rimane ignota.
Come mostrano le immagini pubblicate sui social, la fabbrica di giochi pirotecnici era situata in una risaia molto isolata: nelle foto è possibile distinguere soltanto detriti di ogni genere e una enorme nube di fumo che si solleva dal sito.
L’incidente è avvenuto a un mese dal Capodanno cinese, festeggiamenti in cui vi è una grande richiesta di fuochi d’artificio. Al momento non sono stati rinvenuti sopravvissuti, come confermato dal colonnello di polizia Theerapoj Rawangban: “Stiamo verificando il numero delle vittime ed eventuali danni alle case o alle persone che vivono nelle comunità vicine”.
In Thailandia non è insolito che in luoghi nascosti sorgano fabbriche di fuochi d’artificio e che avvengano incidenti simili. Nel luglio dello scorso anno una grande esplosione è avvenuta in un magazzino di materiale pirotecnico situato nel sud del Paese: in quell’occasione ci furono 10 vittime e oltre 100 feriti.