Enel condannata per la morte da amianto di un lavoratore

Roma, 10 dicembre 2021 – Il tribunale del lavoro di Pisa ha condannato Enel al risarcimento dei danni per la malattia e la morte per mesotelioma pleurico di origine professionale di Danilo Fedeli, morto il 19 aprile 2019 a 69 anni, autista di bus e prima ancora dipendente di imprese appaltatrici di Enel. Il tribunale che ha accertato la responsabilità dell’Enel per l’insorgenza della neoplasia e il conseguente decesso, liquidando in favore della famiglia un importo complessivo di circa 800mila euro, oltre interessi e rivalutazioni. Secondo le testimonianze citate in sentenza dal giudice del lavoro “i materiali contenenti amianto, coppelle, fibretta e cemento, ci venivano forniti dall’Enel”, “non vi era una mensa ma consumavamo il cibo che portavamo da casa, talvolta mangiavamo sopra le coppelle” e un altro teste ha aggiunto: “Non avevamo mascherine né altre protezioni dalla polvere”.

2 thoughts on “Enel condannata per la morte da amianto di un lavoratore

  • 895430 357891Extremely properly written story. It will be valuable to anyone who usess it, including yours truly . Keep up the good function – canr wait to read a lot more posts. 383359

  • 89191 883959This web site may be a walk-through for all with the details you wanted in regards to this and didnt know who to question. Glimpse here, and youll certainly discover it. 852533

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *