Roma, 16 novembre 2021 – Ad annunciarlo il Ministro per le Disabilità Erika Stefani, stamattina a Rtl 102.5, che ha evidenziato come la card sia uno “strumento aperto perché si tratta semplicemente di una tessera che va a sostituire i verbali cartacei, che accertano situazioni di invalidità”. Non tutte le disabilità sono visibili, e “invece di presentarci presso gli uffici con un faldone pieno di documenti si ha una tessera”, ha sottolineato il Ministro. 
“Ad oggi la tessera abilita l’accesso ai musei, ai luoghi della cultura. È un progetto aperto: se dovessimo fare un accordo con qualsiasi federazione, riusciremmo a trovare varie convenzioni – ha aggiunto – Una volta avuto il via libera dal garante della privacy, ci incontriamo con INPS tipografico per fare la convenzione per la stampa. Dopo questo, la convenzione va alla Corte dei conti. Occorre attendere il suo responso e poi si potrà cominciare con la produzione”. La tempistica ancora non è precisa, ma l’arrivo si prospetta per l’inizio del prossimo anno.