Uno degli emendamenti al Decretone su reddito di cittadinanza e quota 100 presentati ieri dalla Lega, esclude qualsiasi agevolazione per le imprese che assumono percettori del reddito di cittadinanza nel caso queste non siano in regola con le “quote” obbligatorie di assunzione di lavoratori disabili. L’emendamento è stato approvato ieri dalla commissione Lavoro del Senato ed è parte degli ultimi correttivi al Decretone prima del suo approdo in Aula, martedì 26 febbraio, per il primo via libera che consentirà il passaggio alla Camera per ulteriori modifiche.
Dopo le aspre critiche al testo sul reddito di cittadinanza da parte della rappresentanza della disabilità italiana, l’attuale Governo sembra stia lavorando per inserire, seppur ancora in maniera non sufficientemente incisiva, misure a favore dell’inclusione dei soggetti con disabilità nel mondo del lavoro. Attendiamo il passaggio alla Camera nella speranza di veder realizzate ulteriori modifiche al testo.