Criteria for releasing COVID-19 patients from isolation a cura dell'Ufficio Salute e sicurezza ANMIL

Roma, 23 giugno 2020 – Sulla base della guida provvisoria pubblicata lo corso 27 maggio, all’interno della quale sono state aggiornate le linee guida dedicate alla gestione clinica di COVID-19 e fornite raccomandazioni aggiornate sui criteri di dimissione dei pazienti dall’isolamento, il 17 giugno 2020 ha avuto luogo un parziale dietrofront dell’OMS sulla questione tamponi. Stando infatti ai criteri aggiornati, i pazienti i cui sintomi si sono risolti possono ancora risultare positivi per il virus COVID-19 per molte settimane. Nonostante questo risultato positivo del test, è improbabile che questi pazienti siano infettivi e pertanto è improbabile che siano in grado di trasmettere il virus a un’altra persona. Questo brief scientifico fornisce la logica delle modifiche apportate alla gestione clinica della guida COVID-19, sulla base di recenti evidenze scientifiche. L’OMS ha aggiornato quindi il 17 giugno scorso questi criteri, stabilendo come non sia più necessario effettuare due tamponi negativi a distanza di almeno ventiquattro ore: bastano infatti tre giorni senza sintomi per liberare i pazienti dall’isolamento, indipendentemente dalla severità dell’infezione.
Il primo pacchetto tecnico di orientamento dell’OMS per la gestione clinica del nuovo coronavirus, ora noto come COVID-19, era stato pubblicato all’inizio di gennaio 2020, poco dopo che un gruppo di casi di polmonite atipica era stato segnalato per la prima volta a Wuhan, nella Repubblica popolare cinese, e incluse raccomandazioni su quando un paziente con COVID-19 non dovesse più essere considerato infettivo. La raccomandazione iniziale per confermare la clearance del virus, e quindi consentire la dimissione dall’isolamento, richiedeva il recupero clinico di un paziente e la possibilità di ottenere due risultati RT-PCR (i cosiddetti tamponi) negativi su campioni sequenziali prelevati a distanza di almeno 24 ore.

Per approfondire: Criteria_for_releasing_COVID-19_patients

Si ricorda che per informazioni sui servizi associativi
è possibile chiamare il Numero Verde ANMIL gratuito 800.180943,
che, a fronte delle grandi richieste pervenute, è stato ampliato
e ora è attivo dal lunedì al venerdì, dalle ore 8.30 alle ore 18.00.

#pazienti #isolamento #oms #covid #virus #tamponi #infezione #covid #coronavirus #anmil #patients #insulation #oms #covid #virus # swabs #infection