Roma, 26 marzo 2020Tragico bilancio di infezioni da #Coronavirus per i lavoratori in ambito sanitario. Solo per citare qualche dato: a Genova, si apprende dall’ASL, sono circa 40 i medici e gli infermieri risultati positivi al test su un totale di 300 tamponi effettuati nell’ospedale Galliera; secondo l’aggiornamento fornito dall’ASREM (Azienda Sanitaria Regionale) del Molise, sono 3 gli operatori sociosanitari che hanno contratto la malattia nella Casa di riposo di Cercemaggiore (Campobasso); a Roma sono 6 i medici all’ospedale San Camillo, tutti in servizio nel reparto di gastroenterologia.
Per quanto riguarda i medici morti, come segnalato dalla FIMMG (Federazione dei Medici di Medicina Generale), questi salgono a 38 in Italia (aggiornamento del 26 marzo 2020, ore 16.20), 17 dei quali prestavano servizio come ‘dottori di famiglia’. Così il segretario generale FIMMG Silvestro Scotti: “tra ieri e oggi, dei 6 medici morti ben 5 erano di base. Questo dovrebbe far riflettere le istituzioni sanitarie: gli operatori sanitari vanno protetti e nessuno può sentirsi in pace con la coscienza se continua ad esporre il personale sanitario senza protezioni”.

#mortisullavoro #infortunisullavoro #malattiaprofessionale