Convenzione lavoro marittimi: le novità su salute e sicurezza

18 maggio 2022 – Durante una riunione tripartita della Convenzione sul lavoro marittimo (MLC), i Governi e i rappresentanti dei marittimi e degli armatori hanno trovato l’accordo su una serie di emendamenti alla Convenzione, allo scopo di migliorare la salute e sicurezza dei lavoratori del mare e, più in generale, le loro condizioni di lavoro. Tra le principali novità si annoverano:

  • La messa a disposizione obbligatoria di dispositivi di protezione individuale di dimensioni adeguate, soprattutto per garantire la sicurezza delle donne di mare, in costante crescita;
  • La garanzia di acqua potabile gratuita;
  • La rapida assistenza da parte degli Stati per il rimpatrio dei marittimi abbandonati o deceduti a bordo e per l’assistenza medica in caso siano necessarie cure immediate.

In aggiunta, tutti i decessi dei marittimi dovranno essere registrati e comunicati annualmente all’Organizzazione Internazionale del Lavoro (OIL).
Questi emendamenti saranno presentati per l’approvazione definitiva alla prossima sessione della Conferenza Internazionale del Lavoro, tra maggio e giugno 2022. In caso di approvazione, è prevista l’entrata in vigore entro dicembre 2024.
Si segnala inoltre che, oltre agli emendamenti, il Comitato Tripartito Speciale ha adottato una serie di risoluzioni relative a:

  • il contrasto al bullismo e alle molestie nei confronti della gente di mare, comprese le aggressioni e le molestie sessuali;
  • il sistema di sicurezza finanziaria a tutela dei marittimi in caso di abbandono;
  • la necessità di adottare misure per garantire a tutti i marittimi adeguati mezzi di ricorso contrattuale contro gli armatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.