Con il superlavoro aumenta il rischio di malattie mortali

Roma, 17 maggio 2021 – Lavorare più di 55 ore a settimana aumenta il rischio di morte per malattie cardiache e ictus. I numeri sono forniti da uno studio dell’Organizzazione mondiale della sanità e dell’Organizzazione internazionale del lavoro (ILO) pubblicato sulla rivista ‘Environment International’, che lancia l’allarme sull’allungamento degli orari di lavoro portato proprio dalla pandemia da Covid-19. Con la pandemia, ha detto Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’Oms, “il telelavoro è diventato la norma in molti settori, spesso offuscando i confini tra casa e lavoro. Inoltre, molte aziende sono state costrette a ridimensionare o chiudere le loro attività per risparmiare denaro e le persone che continuano a impiegare finiscono per lavorare più a lungo”. Gli autori hanno sintetizzato i dati di dozzine di studi precedenti all’emergenza Covid, che hanno coinvolto centinaia di migliaia di partecipanti. Lo studio conclude che lavorare 55 ore o più a settimana è associato a un aumento stimato del 35% del rischio di ictus e del 17% del rischio di morte per cardiopatia ischemica rispetto a programmi di 35-40 ore di lavoro a settimana. Solo nel 2016, ad esempio, Oms e Ilo stimano che 398.000 persone sono morte per ictus e 347.000 per malattie cardiache dopo aver lavorato almeno 55 ore a settimana. Tra il 2000 e il 2016 il numero di decessi per malattie cardiache legate a orari di lavoro prolungati è aumentato del 42%, cifra che si attesta al 19% per gli ictus. E la pandemia ha peggiorato la situazione. Uno studio del National Bureau of Economic Research in 15 paesi ha mostrato, infatti, che il numero di ore di lavoro è aumentato di circa il 10% durante i lockdown. Il telelavoro, infatti, rende più difficile disconnettere i lavoratori. Inoltre la pandemia ha aumentato la precarietà del lavoro, che, in tempi di crisi, tende a spingere chi ha mantenuto il proprio a lavorare di più.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.