Collocamento disabili: scattano nuove sanzioni maggiorate

Roma, 2 febbraio 2022 – Dal 1° gennaio 2022 sono entrati in vigore i nuovi importi delle sanzioni per la violazione degli obblighi di assunzione dei lavoratori con disabilità. La Legge 68/1999, che disciplina il collocamento mirato dei disabili, prevede infatti una serie di adempimenti e obblighi che i datori di lavoro pubblici e privati sono tenuti a rispettare, a pena di incorrere in sanzioni che possono essere anche molto pesanti.
Il primo incremento riguarda la mancata presentazione nei termini del Prospetto informativo disabili, come previsto dall’articolo 9 comma 6 della legge 68/1999. I  datori  di  lavoro  pubblici e privati, soggetti agli obblighi di assunzione, sono tenuti ad  inviare in via telematica agli uffici competenti un prospetto dal quale risultino il numero complessivo dei lavoratori dipendenti, il  numero e i nominativi dei lavoratori computabili nella quota di  riserva,  nonché i posti di lavoro e le mansioni disponibili per i lavoratori disabili. 
Il prospetto informativo deve essere inviato entro il 31 gennaio di ogni anno. Il ritardo nell’invio del prospetto, come previsto ai sensi dell’articolo 15 comma 1 della legge 68/1999, costa dal 2022 una sanzione di 702,43 euro, 36,56 euro in più rispetto allo scorso anno. A questi si aggiunge una maggiorazione di 34,02 euro per ogni giorno di ritardo nell’invio del prospetto.
Incrementate anche le sanzioni per inadempimento degli obblighi di assunzione. L’articolo 3 della legge 68 prevede che i datori di lavoro pubblici e privati sono tenuti ad avere alle loro dipendenze lavoratori con disabilità nella seguente misura:

  1. a) sette per cento dei lavoratori occupati, se occupano più di  50 dipendenti;
  2. b) due lavoratori, se occupano da 36 a 50 dipendenti;
  3. c) un lavoratore, se occupano da 15 a 35 dipendenti.

Ai sensi dell’articolo 15 comma 4 della legge 68, trascorsi sessanta giorni dalla data in cui insorge l’obbligo  di assunzione, il datore di lavoro non in regola con la copertura della quota d’obbligo, per cause a lui imputabili, dovrà pagare una sanzione amministrativa di 196,05 euro per lavoratore per ogni giorno di scopertura.
La sanzione per mancata assunzione è pari a cinque volte il contributo esonerativo, disciplinato dall’articolo 5 comma 3 della legge 68. Il contributo esonerativo è la somma dovuta dai datori di lavoro che, a fronte di specifiche condizioni, possono essere autorizzati ad impiegare un numero inferiore di disabili rispetto alla quota a cui sarebbero obbligati. Il contributo, versato al Fondo Regionale per l’occupazione dei disabili, dal 1° gennaio 2022 è pari a 39,21 euro al giorno per ciascun lavoratore disabile non assunto (a fronte dei precedenti 30,64 euro).

3 thoughts on “Collocamento disabili: scattano nuove sanzioni maggiorate

  • 839213 63048I just ought to tell you that you have written an excellent and distinctive post that I genuinely enjoyed reading. Im fascinated by how nicely you laid out your material and presented your views. Thank you. 679761

  • 323573 519720It is actually a cool and valuable piece of info. Im glad which you basically shared this valuable info with us. Please stay us informed like this. Thank you for sharing. 148198

  • 687995 749285I think one of your advertisements triggered my internet browser to resize, you may want to put that on your blacklist. 733517

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.