PER AGGIORNAMENTI, CONDIVISIONE E COMMENTI CI TROVI ANCHE SUI SEGUENTI SOCIAL

PER AGGIORNAMENTI, CONDIVISIONE E COMMENTI CI TROVI ANCHE SUI SEGUENTI SOCIAL

Home E News E Camera: Commissione inchiesta infortuni

Roma, 13 aprile 2023 – Dopo il Senato anche la Camera dei Deputati approva la costituzione di una Commissione di Inchiesta sulle condizioni di lavoro in Italia, sullo sfruttamento e sulla tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro pubblici e privati. La proposta è stata votata all’unanimità nella seduta dell’Aula di ieri.
La Commissione sarà composta da venti deputati e avrà importanti compiti tra i quali approfondire la conoscenza della dimensione del fenomeno degli infortuni sul lavoro, con particolare riguardo al numero di incidenti mortali, di malattie e di invalidità, verificando e quantificando l’esistenza di eventuali differenze tra le vittime con specifico riguardo: al genere di appartenenza; al territorio di ubicazione del luogo di lavoro; all’età; al settore lavorativo; al tipo contrattuale; al tipo di impresa o di società presso la quale è svolta l’attività lavorativa. Dovrà quindi individuare le principali cause degli infortuni sul lavoro, con particolare riguardo all’incidenza delle pratiche dell’interposizione illecita, della somministrazione irregolare di manodopera, dello sfruttamento e del lavoro sommerso e irregolare, nonché del controllo di imprese da parte di organizzazioni criminali.
Dovrà inoltre accertare il livello di applicazione delle norme antinfortunistiche e l’efficacia della legislazione vigente per la prevenzione degli infortuni in ciascun settore produttivo, anche tenendo conto dell’eventuale incidenza del lavoro flessibile o precario sugli infortuni medesimi; verificare l’idoneità dell’attività, la frequenza e l’efficacia dei controlli svolti dagli organi ispettivi a livello centrale e periferico; quantificare l’incidenza complessiva del costo degli infortuni sul lavoro sulla finanza pubblica e sul Servizio sanitario nazionale; valutare gli eventuali casi di presenza di minori nei luoghi di lavoro, con particolare riguardo ai minori provenienti dall’estero, nonché le misure adottate per la loro protezione nei casi di esposizione a rischi di infortunio; individuare eventuali misure, di carattere legislativo e amministrativo, atte ad accrescere l’efficacia della prevenzione e ad attenuare gli effetti degli infortuni.
Grande soddisfazione espressa dal Presidente Nazionale ANMIL Zoello Forni: “Ringraziamo il Parlamento per aver colto l’urgenza di approfondire questi temi centrali per la vita e la salute dei nostri lavoratori. I numeri drammatici su infortuni e malattie professionali richiedono attenzione e azioni immediate e alla neo costituita Commissione va già da ora tutta la disponibilità dell’ANMIL a collaborare per vincere una battaglia che è prima di tutto di civiltà”.

La Rete ANMIL

SCOPRI IL NOSTRO 5 X 1000

COME UTILIZZIAMO IL VOSTRO SOSTEGNO