PER AGGIORNAMENTI, CONDIVISIONE E COMMENTI CI TROVI ANCHE SUI SEGUENTI SOCIAL

PER AGGIORNAMENTI, CONDIVISIONE E COMMENTI CI TROVI ANCHE SUI SEGUENTI SOCIAL

Home E News E Calderone: con dl lavoro attenzione su sicurezza

Calderone: con dl lavoro attenzione su sicurezza

Calderone: con dl lavoro attenzione su sicurezza

Roma, 8 maggio 2023 – Il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali Marina Elvira Calderone ha espresso soddisfazione per l’entrata in vigore del Decreto Lavoro, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 4 maggio scorso. Attraverso una nota pubblicata sul portale istituzionale del dicastero, il Ministero ha sottolineato come famiglie e imprese tornino a essere le protagoniste del mondo del lavoro. “Con queste misure, il Governo pone l’attenzione sulle politiche attive, sulle semplificazioni e sulla tutela e la sicurezza del lavoro” ha spiegato il Ministro, ricordando come l’esecutivo sia al lavoro per rendere strutturale anche il taglio del cuneo fiscale. “Tante misure che mostrano la visione e la strategia più inclusiva che il mondo del lavoro deve avere” ha proseguito.
Attraverso il decreto-legge n. 48/2023 si istituisce dal primo gennaio 2024 “l’assegno di inclusione” riservato alle famiglie con minori o disabili oppure con un componente di oltre i 60 anni di età e il “supporto per la formazione e il lavoro” per le persone in età da lavoro (18-59 anni) mediante la partecipazione a progetti di formazione, di qualificazione e riqualificazione professionale, di orientamento, di accompagnamento al lavoro e di politiche attive, già dal primo settembre 2023.
Previsto un taglio del cuneo fiscale per i lavoratori subordinati a basso reddito per il periodo di paga luglio–novembre 2023: fino a 6 punti per i redditi tra i 25mila e i 35 mila euro (tre volte di più di quanto previsto fino ad oggi) e 7 punti per i redditi sotto i 25mila euro (dagli attuali 3). Il decreto-legge consente l’accesso alla maggiorazione dell’Assegno Unico Universale per i genitori vedovi, introduce semplificazioni amministrative e incrementa il Fondo Nuove Competenze a sostegno dei percorsi di aggiornamento dei lavoratori.
Per contrastare il fenomeno dei NEET è previsto un incentivo per la loro assunzione a tempo indeterminato con contratti siglati tra il primo giugno e la fine del 2023, cumulabile con altri incentivi. Parimenti si è disposta l’istituzione di un Fondo per riconoscere un contributo a enti del Terzo Settore, organizzazioni di volontariato, associazioni di promozione sociale e Onlus che assumano o abbiano assunto, con contratto a tempo indeterminato, under 35 con disabilità tra il primo agosto 2022 e il 31 dicembre 2023.
Il provvedimento fra le diverse misure racchiude poi norme per aumentare tutele e vigilanza in materia di salute e sicurezza sul lavoro, anche in riferimento agli ambienti scolastici e ai percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento. Studenti e docenti saranno più tutelati a scuola e nelle esperienze di orientamento al lavoro. Il provvedimento prevede infatti, in via sperimentale per l’anno scolastico 2023-2024, l’estensione della tutela assicurativa INAIL a tutte le attività di insegnamento-apprendimento (prima erano comprese solo quelle nei laboratori e nelle palestre). Trova conferma anche la previsione, già annunciata dal Ministro Calderone, dell’introduzione di un Fondo per l’indennizzo dei familiari degli studenti vittime di infortuni in occasione delle attività formative e durante i percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento (PCTO). Dieci i milioni di euro a disposizione per il 2023 e 2 milioni di euro l’anno a partire dal 2024. Le imprese iscritte nel registro nazionale per l’alternanza, inoltre, dovranno integrare il documento di valutazione dei rischi con le misure e i dispositivi da adottare per gli studenti inseriti nei percorsi. “Abbiamo voluto dare un segnale chiaro: fondamentale tutelare la salute e la sicurezza degli studenti e dei docenti, dentro gli ambienti scolastici così come durante la frequenza dei percorsi di alternanza scuola/lavoro. Tutti gli interventi in materia contenuti nel decreto-legge approvato il 1° maggio si concretizzano in azioni per garantire la loro sicurezza” ha affermato il Ministro, ricordando che si sta progettando una campagna di comunicazione con il Ministero dell’Istruzione e del Merito per informare tutti i destinatari delle nuove misure.

La Rete ANMIL

SCOPRI IL NOSTRO 5 X 1000

COME UTILIZZIAMO IL VOSTRO SOSTEGNO