Blocco forzato, difficoltà lavorative anche per i circensi

Roma, 5 maggio 2020 – Alla crisi del mondo dello spettacolo dovuta alla chiusura di cinema e teatri a causa del #coronavirus, con il blocco degli spettacoli si è aggiunta la difficoltà delle compagnie circensi di riuscire a nutrire i numerosi animali tra cui tigri, leoni, cammelli, cavalli, asini, cani struzzi giraffe, rinoceronti e zebre. Ad esempio, la Coldiretti è arrivata in soccorso del circo Elvio Togni a Sommacampagna (Verona) che non sta lavorando a causa dell’emergenza sanitaria provvedendo alla consegna di frutta e verdura invenduta e quindi non adatta alla commercializzazione. La prima partita è arrivata il 28 aprile e ha permesso di sfamare due elefanti, 16 cavalli e tre grossi tori. “Portare cibo agli animali significa aiutare le famiglie di artisti circensi che non possono lavorare per il blocco forzato degli spostamenti e degli spettacoli dei circhi. Gli animali necessitano tutti i giorni di prodotti anche agricoli per essere sfamati, per questo stimo di lavorare ad altre forniture”, afferma Giorgio Girardi, responsabile del settore ortofrutta della Coldiretti di Verona.

Per approfondimenti: http://www.circo.it/coldiretti-verona-per-gli-animali-del-circo-di-elvio-togni/o