Civ Inail: avanzo di bilancio per rafforzare la missione sociale

Roma, 3 settembre 2021 – È di quasi un 1 miliardo e 600 milioni di euro il bilancio consuntivo per il 2020 approvato oggi dal Consiglio di indirizzo e vigilanza dell’Inail. Lo fa sapere lo stesso Civ, ricordando che il 2019 si è chiuso con un avanzo di circa 1,2 miliardi. “La tendenza a chiudere bilanci estremamene positivi – spiega il presidente del Civ, Giovanni Luciano – si verifica essenzialmente per tre aspetti: l’incremento delle entrate tariffarie, la contrazione delle spese per le prestazioni economiche e la difficoltà nel portare a termine gli investimenti inseriti in bilancio”

Il presidente del Civ sottolinea, inoltre, che per la seconda non è passato l’emendamento finalizzato ad estendere la tutela assicurativa, prevedendola altresì per gradi minori di inabilità che avrebbe comportato per l’Inail un onere inferiore a 50 milioni di euro all’anno. Luciano evidenzia, che “le riserve in Tesoreria sfiorano i 40 miliardi di euro e il paradosso è che tutto questo utile nei fatti si rivela ‘inutile’ per garantire maggiori tutele ai lavoratori infortunati e affetti da malattia professionale, alle loro famiglie e per sostenere le imprese nelle azioni di prevenzione attraverso un rafforzamento delle attività di ricerca, formazione e informazione in tema di salute e sicurezza sul lavoro”.

“Emerge sempre più prepotentemente – conclude il presidente del Civ Inail – l’ancora irrisolta questione di un riconoscimento di una maggiore autonomia della governance dell’Istituto che le parti sociali devono definire con Governo e Parlamento. Continuerò ad insistere su tale istanza perché sono convinto che lo scioglimento di questo nodo possa incidere positivamente sulla riduzione delle morti sul lavoro “.