Roma, 25 ottobre 2021 – Un altro weekend funestato da incidenti mortali sul lavoro. Sabato a Soliera (in provincia di Modena) un operaio di settant’anni ha perso la vita cadendo dal tetto di un’officina. A quanto si apprende la vittima lavorava per una ditta esterna che si occupa proprio di manutenzione dei tetti. Da una prima ricostruzione pare abbiano ceduto alcuni pannelli di amianto che l’operaio stava ispezionando.
A Ragusa, sempre sabato, un muratore di 66 anni, Francesco Occhipinti è caduto dal secondo piano di un’abitazione mentre stava lavorando agli esterni.
Il giorno prima, stavolta in provincia di Rovigo, un operaio di 61 anni di Stanghella (Pd), Paolo Merlin, è morto schiacciato da un carro ferroviario. L’incidente è avvenuto all’interno di un capannone adibito a officina meccanica della ditta Adriatica Spa. L’uomo, secondo quanto si è appreso, è stato investito da un carro ferroviario in movimento e ha riportato gravissimi traumi. Il 61enne era dipendente della Logyca Umf Srl di Udine, specializzata in attività di manovra ferroviaria.