Bando ISI 2021: al via da oggi le domande

2 maggio 2022 – Da oggi 2 maggio, fino al 16 giugno, è aperta sul portale dell’INAIL la procedura informatica per richiedere il finanziamento di progetti in materia di salute e sicurezza sul lavoro (Bando ISI 2021).
L’incentivo è destinato alla imprese che vogliono realizzare dei progetti per il miglioramento dei livelli di salute e sicurezza, nonché alle micro e piccole imprese, operanti nel settore della produzione primaria dei prodotti agricoli, per l’acquisto di nuovi macchinari e attrezzature di lavoro caratterizzati da soluzioni innovative al fine di abbattere in misura significativa le emissioni inquinanti, migliorare il rendimento e la sostenibilità globali e, in concomitanza, conseguire la riduzione del livello di rumorosità o del rischio infortunistico o di quello derivante dallo svolgimento di operazioni manuali.
Possono beneficiare dell’iniziativa tutte le imprese, anche individuali, ubicate su tutto il territorio nazionale iscritte alla Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura e anche agli enti del terzo settore (limitatamente all’Asse 2 di finanziamento).
Sono finanziabili le seguenti tipologie di progetto ricomprese in 5 Assi di finanziamento:

  • progetti di investimento e progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale – asse di finanziamento 1
  • progetti per la riduzione del rischio da movimentazione manuale di carichi (MMC) – asse di finanziamento 2,
  • progetti di bonifica da materiali contenenti amianto – asse di finanziamento 3,
  • progetti per micro e piccole imprese operanti in specifici settori di attività – asse di finanziamento 4,
  • progetti per micro e piccole imprese operanti nel settore della produzione primaria dei prodotti agricoli – asse di finanziamento 5.

Ciascuna impresa può presentare una sola domanda a valere per un solo asse di finanziamento e per una sola tipologia di progetto. La domanda deve essere presentata esclusivamente in modalità telematica, con successiva conferma attraverso l’apposita funzione di upload/caricamento della documentazione, presente all’interno della procedura guidata, come specificato negli Avvisi regionali/provinciali.
La procedura di attuazione è di tipo valutativo a sportello secondo l’ordine cronologico di presentazione delle domande, con definizione di soglie e condizioni minime. Le imprese richiedenti che avranno raggiunto (o superato) la soglia minima di ammissibilità e salvato la propria pratica, potranno successivamente accedere alla stessa per effettuare il download del proprio codice identificativo, necessario per l’inoltro della domanda telematica in occasione del “click day”.