15 ottobre 2019 – Nel pomeriggio di ieri, un antennista di 55 anni è morto dopo essere scivolato da una scala battendo violentemente la nuca. Il lavoratore era dipendente di una ditta di Calenzano (Firenze).
“A pochi giorni di distanza ci troviamo di nuovo a piangere un morto sul lavoro – sottolinea l’assessore regionale al diritto alla salute e welfare Stefania Saccardi in una nota -.
Venerdì scorso un uomo è morto vicino a San Miniato (Pisa) mentre stava lavorando a un elettrodotto, e un altro è rimasto gravemente ferito in una cartotecnica a Scandicci (Firenze).
Oggi un antennista ha perso la vita a Livorno, cadendo da una scala. Esprimo la mia solidarietà e vicinanza alla famiglia, e nello stesso tempo il dolore per il susseguirsi di questi infortuni mortali, che continuano a verificarsi nonostante il grande impegno profuso per garantire la massima sicurezza sui luoghi di lavoro”.