Ancora morti per Covid: sono 184 le vittime

Roma, 2 novembre 2020 – Il Covid miete ancora vittime nel settore sanitario. Al primo novembre sono 184 i medici morti a causa dell’epidemia. L’ultima vittima è Paolo Melenchi, oculista di 57 anni di Caserta. Lo si apprende dalla Federazione nazionale degli ordini dei medici (Fnomceo). Salgono così a cinque i medici deceduti nel periodo della seconda ondata pandemica.
Osserva Stefania Salmaso, dell’Associazione italiana di epidemiologia: “aumentano i casi che non possono più essere attribuiti a una catena di contagio”, vale a dire che “c’è ormai l’incapacità di risalire ai contatti: è un segnale di come le strutture territoriali siano sotto pressione”.
“Proprio questo –  prosegue – è uno degli elementi chiave individuati nel documento Prevenzione e risposta a Covid-19 nel quale ministero della Salute e Istituto Superiore di Sanità tracciano i quattro possibili scenari della pandemia. Quel documento indica infatti la necessità di alzare il livello di guardia quando le catene di trasmissione non sono identificate”. Lo scenario che corrisponde alla situazione più grave, il quarto, corrisponde infatti a una “situazione di trasmissibilità non controllata con criticità nella tenuta del sistema sanitario nel breve periodo”.