Amianto, annullate le pene del caso Casaralta di Bologna

19 novembre 2020 – La Corte d’Appello di Bologna ha annullato le pene inflitte in primo grado agli ultimi tre superstiti del cda delle ex officine Casaralta di via Ferrarese, a Bologna, dove vennero costruite e riparate carrozze di treni e tram fino al 2010. La notizia è riportata dall’edizione locale del Corriere della Sera. Maria Regazzoni, 90enne e membro del consiglio dal ’55 al ’79 e dall’84 al ’93, Carlo Regazzoni, 64 anni, consigliere dal ’77 all’86, Carlo Filippo Zucchini, 66 anni, in carica dal ’79 all’86, accusati di omicidio colposo e lesioni colpose, erano stati condannati, la prima a tre anni e gli altri a due anni, per poco più di 20 morti sulle almeno 81 conteggiate.
Lavoratori vittime nel tempo dell’esposizione all’amianto a cui erano stati sottoposti senza alcuna precauzione dagli anni ’60 al 1989: per la maggior parte di quelle morti, dovute a mesoteliomi e ad altre forme tumorali, è intervenuta la prescrizione, legata alla concessione delle attenuanti generiche, negate nel processo di primo grado. Per i decessi più recenti, invece, i giudici hanno pronunciato sentenza di assoluzione perché il fatto non sussiste. 

2 thoughts on “Amianto, annullate le pene del caso Casaralta di Bologna

  • 360756 39290I cant say that I completely agree, but then once again Ive never actually thought of it quite like that before. Thanks for giving me something to think about when Im supposed to have an empty mind whilst trying to fall asleep tonight lol.. 170540

  • 158675 668223Im not that considerably of a internet reader to be honest but your sites really good, keep it up! Ill go ahead and bookmark your site to come back later. All of the greatest 522852

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.