Aiuti di Stato, sgravi sui premi assicurativi a cura dell'Ufficio Salute e sicurezza ANMIL

Roma, 1° luglio 2020 – L’Inail, con circolare n. 26 riepiloga le tipologie di aiuti contenute nel Registro nazionale degli aiuti di Stato istituito presso il Ministero dello sviluppo economico, i controlli e le verifiche che sono tenuti a effettuare i soggetti pubblici o privati che li concedono o li gestiscono, quali siano i soggetti tenuti alla registrazione del regime di aiuti e degli aiuti individuali nonché le conseguenze in caso di inadempimento.
Nello specifico, la circolare precisa che l’Istituto è obbligato alla registrazione nel RNA (Registro Nazionale Aiuti) per due tipologie di aiuti individuali, non subordinati all’emanazione di provvedimenti di concessione (aiuti cosiddetti “automatici”): gli sgravi sui premi assicurativi che costituiscono aiuti di Stato concessi per le navi iscritte al Registro internazionale italiano e quelli per l’assunzione di lavoratori svantaggiati. Vengono quindi meglio descritte le modalità per la determinazione dell’importo dell’aiuto individuale che avviene contestualmente al calcolo del premio dovuto, in base alle retribuzioni effettivamente corrisposte nel relativo periodo assicurativo, indicate nelle dichiarazioni delle retribuzioni trasmesse dai datori di lavoro all’Inail per il tramite dei servizi telematici, e al tasso che deve essere applicato per la determinazione del premio stesso.
La presentazione della dichiarazione delle retribuzioni è, pertanto, l’adempimento che consente all’Inail la determinazione del premio dovuto e dello sgravio correlato e costituisce, dunque, presupposto per la fruizione dell’aiuto individuale.
La circolare inoltre chiarisce che i controlli sulla sussistenza dei requisiti oggettivi e soggettivi per l’applicazione degli sgravi e sulla fruizione degli aiuti di Stato, così come qualsiasi altro aspetto relativo alla gestione dei rapporti assicurativi e alla determinazione dei premi dovuti, sono effettuati dalla sede Inail competente per territorio, individuata con riferimento alla sede legale del soggetto assicurante. Qualora, in seguito ai controlli, il beneficiario sia tenuto a restituire in tutto o in parte l’aiuto individuale già fruito, l’Inail è tenuto a trasmettere al RNA le informazioni relative alla variazione intervenuta solo dopo l’avvenuta restituzione dell’importo dovuto e, comunque, entro trenta giorni dalla conoscenza dell’avvenuta restituzione.
Per quanto concerne infine gli aiuti automatici erogati dall’Inail in un determinato esercizio e registrati nel RNA nell’esercizio successivo a quello della fruizione da parte dei beneficiari, la circolare precisa che i soggetti beneficiari sono tenuti a dichiarare l’esistenza degli stessi, a seconda dei casi, rispettivamente nella nota integrativa del bilancio oppure sul proprio sito internet, ove esistente, ovvero su quello delle associazioni di categoria di appartenenza.

Per approfondire: Circolare Inail n. 26

Per ulteriori informazioni sul tema e sui servizi associativi
è possibile chiamare il Numero Verde ANMIL gratuito 800.180943,
che, a fronte delle grandi richieste pervenute, è stato ampliato
e ora è attivo dal lunedì al venerdì, con orario continuato, dalle ore 8.30 alle ore 18.00.

Consulta anche il sito del Patronato ANMIL

#Inail #sicurezza #prevenzione #circolareInail #sgravi assicurativi #RegistronazionaledegliaiutidiStato #aiutidiStato #security #circularpreventionInail #insurancerelief #government