Aggressioni ai medici, in Puglia parte la campagna

Tra i dossier all’attenzione del ministro della Sanità Roberto Speranza c’è sicuramente “Antiviolenza per tutelare i medici dalle aggressioni”. Era atteso in aula al Senato a metà settembre, ma è certo che il cambio di fase politica produrrà alcuni comprensibili ritardi. I diretti interessati, medici e infermieri, però, sono già in moto nel tentativo di costruire un argine all’emergenza. Gli operatori sanitari che nel 2018 hanno subito aggressioni di vario grado in Italia sono stati 1.200.
A Bari, per esempio, hanno deciso di diffondere una campagna pubblicitaria con un claim inequivocabile: “E poi, la vita chi te la salva?”. L’iniziativa è firmata dall’Ordine dei medici e patrocinata da una delle sigle sindacali della categoria, Fnomceo.
“Chi aggredisce un medico ferisce tutti noi. Chiudiamo questa ferita per sempre”, si legge ancora nei manifesti 6×3 affissi nelle strade di Bari. Del resto la Puglia ha il poco invidiabile primato in Italia per aggressioni contro i camici bianchi: dal 1984 al 2016 il 26 per cento del totale delle violenze contro medici si è verificato in questa regione. Seguono a grande distanza la Sicilia (16 per cento) e la Lombardia (13 per cento).
La dottoressa Maria Monteduro fu assassinata nelle campagne di Castrignano del Capo nel 1999. Stessa sorte per psichiatra barese Paola Labriola nel 2013. E i casi si ripetono: le ultime aggressioni ai danni di medici sono avvenute ad Ascoli Satriano il 30 gennaio scorso e a Statte appena qualche settimana fa: in entrambi i casi si tratta di medici in servizio nei locali della guardia medica.
Due le immagini, sui manifesti, dei camici bianchi vittime di violenza: una dottoressa con un evidente ematoma al viso e un paziente che si colpisce da solo con un pugno. “La campagna vuole sensibilizzare l’opinione pubblica su una situazione drammatica – dice Filippo Anelli, presidente dell’Omceo Bari – non possiamo permetterci che l’attenzione cali quando si spengono i riflettori dei media, il giorno dopo ogni evento di violenza. E’ ora di prendere provvedimenti che garantiscano la sicurezza di operatori e cittadini”.
La campagna – spiega l’Ordine barese – nasce infatti come risposta al clima di insicurezza e di episodi di violenza che hanno portato la Puglia in cima alla lista per aggressioni ai danni dei medici: prendendo in considerazione il periodo 1984-2016 la nostra regione è quella con il maggior numero di episodi di violenza ai danni dei medici e presenta un netto divario rispetto alle altre, pesando per il 26% sul totale, contro il 16% della Sicilia e il 13% della Lombardia e di Sardegna, le regioni che seguono per ‘pericolosità'”.

One thought on “Aggressioni ai medici, in Puglia parte la campagna

  • 762339 730217Hello super schner Webblog den ihr da habt. Bin gerade ber die Google Suche darber gestolpert. Gefllt mir echt super gut. macht weiter so. MFG Martina 518982

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.