Roma, 11 ottobre 2021 – Il continuo divario tra ricchezza e povertà che il covid ha ulteriormente accentuato con una marginalità farmaceutica che colpisce le persone indigenti. È questo il filo conduttore dell’intervista di Luce Tommasi al professor Aldo Morrone, direttore scientifico dell’Ospedale San Gallicano di Roma, l’IRCCS (Istituto nazionale per la promozione della salute delle popolazioni migranti). Esperto nelle patologie tropicali e malattie della povertà, negli ultimi 30 anni si è occupato di medicina transculturale, contribuendo a focalizzare l’attenzione del pubblico e delle istituzioni sulla salute dei migranti e delle fasce a rischio di emarginazione sociale.