I dati del IX Rapporto “MalProf” di INAIL

Roma, 2 marzo 2021 – L’Istituto ha pubblicato il IX Rapporto MalProf, dedicato interamente alle malattie professionali, riguardante quanto denunciato nel biennio 2015-2016, durante i quali sono state raccolte 32.454 segnalazioni. Da una prima analisi delle denunce, emerge come quasi il 70% abbiano riguardato le malattie muscoloscheletriche, che tra le donne raggiungono addirittura l’87%.
In apertura del documento emerge una disamina nazionale e regionale dei dati riguardanti le segnalazioni di malattie professionali raccolte e analizzate dai servizi di prevenzione delle Asl nel biennio in oggetto. Per la prima volta, sono stati integrati anche i dati provenienti da Abruzzo e Calabria, oltre che dalla Provincia autonoma di Bolzano.
Partendo da quanto emerso a livello nazionale, le segnalazioni sono state 32.454, in leggero calo rispetto alle 32.846 del biennio 2013-2014. Con riferimento all’età, tra le donne la classe 30-59 anni racchiude oltre il 75% del totale delle segnalazioni, mentre tra gli uomini il tasso si ferma al 64%.
Come già detto, le malattie muscoloscheletriche sono risultate in continua crescita, con il 69% del totale delle denunce, penalizzando ancor di più le lavoratrici. Se poi tra i lavoratori più anziani (60 anni o più), le patologie dell’apparato respiratorio e i tumori hanno avuto un peso percentuale maggiore, le malattie della pelle si sono attestate al primo posto (31%) tra i lavoratori più giovani.
A livello settoriale, la maggior parte delle malattie denunciate ha riguardato il settore delle costruzioni (22%), seguito dall’agricoltura (11%) e dalla fabbricazione e lavorazione dei prodotti in metallo. Distinguendo poi per genere e quantità di malattie professionali per settore, le donne hanno denunciato un quantitativo di malattie in sanità e in altri servizi sociali (14%), oltre che in agricoltura (12%).
Incentrando poi il focus sulle singole professioni, ad emergere, a livello di denunce riguardanti l’occupazione femminile, è stata la categoria delle artigiane e delle operaie addette alle lavorazioni alimentari, del legno, del tessile, dell’abbigliamento, delle pelli e del cuoio (14%), seguita dalla categoria delle lavoratrici agricole, zootecniche e forestali (10%). Per gli uomini, invece, le professioni con più denunce hanno riguardato gli operai e artigiani dell’industria estrattiva e dell’edilizia (30%) e quelli metalmeccanici (17%).
A livello procedurale, infine, è risultato ancora fondamentale il ruolo dei medici competenti, affiancati dall’importanza crescente dei medici di base: le segnalazioni rilevate dalle Asl sono giunte infatti oltre il 5%.

 

Per approfondire:

https://www.inail.it/cs/internet/docs/alg-pubbl-malprof-2015-2016_6443156575433.pdf

 

 

 

4 thoughts on “I dati del IX Rapporto “MalProf” di INAIL

  • I discovered your blog site on google and verify just a few of your early posts.
    Continue to maintain up the very good operate. I simply further up your RSS feed to
    my MSN News Reader. In search of ahead to studying
    more from you later on!

  • Its like you learn my thoughts! You seem to understand so much about this,
    such as you wrote the guide in it or something. I think that you simply
    could do with some % to pressure the message house a
    bit, but instead of that, this is fantastic blog. A great read.
    I’ll definitely be back.

  • Every weekend i used to pay a quick visit this site, because i want enjoyment, as this
    this site conations really fastidious funny stuff too.

  • Howdy! Do you use Twitter? I’d like to follow you if that would
    be ok. I’m absolutely enjoying your blog and look forward to new posts.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.