“L’arte dell’umano per superare le asimmetrie del mondo”

Roma, 22 novembre 2021 – Gli ultimi e i loro diritti sono stati i concetti guida dell’impegno di Alessandra Morelli, romana, Delegata per dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) dal 1992 al 2021. Tra negoziazioni e operazioni umanitarie, ha lavorato nelle aree più calde e fragili del mondo, l’ultima delle quali è stata il Niger, crocevia della rotta del Mediterraneo centrale passando per la Libia. Luce Tommasi l’ha intervistata, a conclusione della sua carriera ONU, sulla scelta di sviluppare in questa società complessa un percorso tematico sull’”Arte dell’Umano per restare Umani”.