“L’arte dell’umano per superare le asimmetrie del mondo”

Roma, 22 novembre 2021 – Gli ultimi e i loro diritti sono stati i concetti guida dell’impegno di Alessandra Morelli, romana, Delegata per dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) dal 1992 al 2021. Tra negoziazioni e operazioni umanitarie, ha lavorato nelle aree più calde e fragili del mondo, l’ultima delle quali è stata il Niger, crocevia della rotta del Mediterraneo centrale passando per la Libia. Luce Tommasi l’ha intervistata, a conclusione della sua carriera ONU, sulla scelta di sviluppare in questa società complessa un percorso tematico sull’”Arte dell’Umano per restare Umani”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *