Le condizioni dello speciale assegno continuativo mensile ai superstiti

Se hai un quesito da sottoporci, i nostri esperti sono a disposizione. Entra in questa sezione!

Qui è possibile consultare i quesiti e le relative risposte, in materia di: disabilità, infortunio sul lavoro e malattia professionale.
Se hai una perplessità o sei alla ricerca di informazioni riguardanti il tuo caso specifico, puoi scrivere ai nostri esperti all’indirizzo email: esperti@anmil.it
Segnaliamo che, nel pubblicare il quesito, sarà nostra premura rendere i vostri dati anonimi nel rispetto della normativa sulla privacy, consultabile nella sezione di chiusura del portale sotto la dicitura “Privacy”.

Domanda

Buonasera,
mio padre è deceduto in data 21 dicembre 2017, non per malattia professionale. Percepiva rendita INAIL di 1.500,00 euro circa con invalidità per causa di servizio dal 1983 del 67%.  Mia madre percepisce una rendita ai superstiti di 1.060,00 euro. In qualità di coniuge ad oggi non ha ricevuto alcuna comunicazione dall’INAIL, pur essendoci i presupposti, per la richiesta dello speciale assegno continuativo mensile.
In attesa di Vostro riscontro, porgo cordiali saluti.

Risposta

Gentile signora,
lo speciale assegno continuativo mensile ai superstiti è erogato a condizione che gli aventi diritto non percepiscano rendite, prestazioni economiche previdenziali o altri redditi (escluso il reddito della casa di abitazione) di importo pari o superiore a quello dell’assegno speciale.
Detto ciò, riteniamo che il motivo per cui Sua madre non ha ricevuto la comunicazione con la quale l’INAIL avverte i superstiti della facoltà di proporre domanda per la concessione dello speciale assegno continuativo mensile, è da ravvisarsi nel fatto che percepisce una rendita ai superstiti di importo pari o superiore a quello dell’assegno speciale.
Ad ogni modo, se desidera accertarsi  e ottenere maggiori delucidazioni in merito, il consiglio che posso darle è quello di rivolgersi alla sede INAIL territorialmente competente in base al suo domicilio e chiedere una consulenza.

Inviaci il tuo quesito scrivendo a esperti@anmil.it

Guarda gli altri quesiti della sezione “Gli esperti rispondono”