La visita di revisione della rendita per infortunio

Se hai un quesito da sottoporci, i nostri esperti sono a disposizione. Entra in questa sezione!

Qui è possibile consultare i quesiti e le relative risposte, in materia di: disabilità, infortunio sul lavoro e malattia professionale.
Se hai una perplessità o sei alla ricerca di informazioni riguardanti il tuo caso specifico, puoi scrivere ai nostri esperti all’indirizzo email: esperti@anmil.it
Segnaliamo che, nel pubblicare il quesito, sarà nostra premura rendere i vostri dati anonimi nel rispetto della normativa sulla privacy, consultabile nella sezione di chiusura del portale sotto la dicitura “Privacy”.

Domanda:
Buongiorno, sono titolare di rendita Inail con 44% d’invalidità e con decorrenza dal 15/01/2010. Sono stato invitato a revisione. La mia domanda è: la visita allo scadere dei 10 anni è obbligatoria? Visto che la lettera di invito Inail è stata scritta il 17/01/2020 ed arrivata oggi. Posso evitare di presentarmi a visita perché hanno sforato anche solo di 2 gg i 10 anni? Nell’arco di 10 anni per i medici Inail sicuramente potrebbe sembrar migliorata la mia situazione, ma i problemi fisici non mi hanno mai lasciato e sarebbe una beffa una rivalutazione al ribasso della mia invalidità. Grazie

Risposta:

Gentile signore,

l’ultima visita di revisione della rendita per infortunio, cioè quella fissata al decimo anno, è soggetta al termine di decadenza di un anno dal compimento del decennio, e va pertanto richiesta o disposta entro 10 anni + 1 dalla data di decorrenza della rendita.
Detto ciò, dalle informazioni che ci ha fornito, la convocazione che ha ricevuto dall’INAIL è nei termini, pertanto se non sussistono evidenti impedimenti è tenuto personalmente a presentarsi a visita.
Qualora l’INAIL in seguito alla visita di revisione dovesse riconoscerle un grado di invalidità inferiore rispetto a quello attuale, è possibile presentare ricorso amministrativo. L’atto di opposizione deve essere inoltrato entro 60 giorni dal ricevimento della comunicazione da parte dell’INAIL.
Può comunque rivolgersi al Patronato ANMIL a Lei più vicino, anche attraverso il numero verde 800 180 943, qualora necessitasse di ulteriori informazioni e/o assistenza in merito al ricorso.

Inviaci il tuo quesito scrivendo a esperti@anmil.it

Guarda gli altri quesiti della sezione “Gli esperti rispondono”