La procedura da seguire in caso di infortunio sul lavoro

Domanda:

Buongiorno, a seguito di un infortunio sul lavoro il mio datore ha avviato la pratica Inail e mi ha comunicato di avvisare il mio medico di base, il quale avrebbe dovuto rilasciarmi anche un certificato da inoltrare all’Inail. Il mio medico di base ha detto che non si occupa di queste cose. Come devo comportarmi? Grazie.

Risposta:

Gentile signora,
in merito alla procedura da seguire in caso di infortunio sul lavoro si precisa quanto segue. Il lavoratore che si è infortunato sul lavoro dovrà comunicare immediatamente l’incidente al datore di lavoro.
In base alla gravità dell’infortunio, il lavoratore può:

  • rivolgersi al medico dell’azienda, se è presente nel luogo di lavoro
  • recarsi o farsi accompagnare al Pronto soccorso nell’ospedale più vicino
  • rivolgersi al suo medico curante.

Qualunque medico presti la prima assistenza a un lavoratore infortunato sul lavoro è obbligato a rilasciare il certificato medico nel quale sono indicati la diagnosi e il numero dei giorni di inabilità temporanea assoluta al lavoro e a trasmetterlo esclusivamente per via telematica all’Istituto assicuratore (INAIL).
La trasmissione per via telematica del certificato di infortunio è effettuata utilizzando i servizi telematici messi a disposizione dall’Istituto assicuratore.
Il certificato medico (rilasciato dal Pronto Soccorso, medico dell’azienda o medico curante) dovrà essere trasmesso dal lavoratore al datore di lavoro il quale dovrà, in modalità telematica, trasmettere il modello di denuncia infortunio sul lavoro all’INAIL qualora la prognosi sia superiore ai 3 giorni.
Allo scadere dei giorni di prognosi indicati nel certificato medico il lavoratore deve recarsi presso gli ambulatori INAIL per lo svolgimento della visita medica alla quale seguirà un nuovo appuntamento nel caso della prosecuzione dell’infortunio e dell’astensione dal lavoro con contestuale emissione di un certificato medico per il datore di lavoro oppure si procederà con il rilascio di un certificato di chiusura dell’infortunio da consegnare in azienda ai fini della ripresa della normale attività lavorativa.
Detto ciò, dalle informazioni che ci ha fornito, se è stato il Suo medico curante a prestarle la prima assistenza in seguito al Suo infortunio, ha l’obbligo di trasmettere per via telematica all’Inail il certificato medico.
Può comunque rivolgersi al Patronato ANMIL a Lei più vicino, anche attraverso il numero verde 800 180 943, qualora necessitasse di ulteriori informazioni e/o assistenza in merito.
Spero di esserle stata di aiuto.
Cordiali saluti.

Inviaci il tuo quesito scrivendo a esperti@anmil.it

Guarda gli altri quesiti della sezione “Gli esperti rispondono”