Il sistema delle visite di revisione della rendita INAIL

Se hai un quesito da sottoporci, i nostri esperti sono a disposizione. Entra in questa sezione!

Qui è possibile consultare i quesiti e le relative risposte, in materia di: disabilità, infortunio sul lavoro e malattia professionale.
Se hai una perplessità o sei alla ricerca di informazioni riguardanti il tuo caso specifico, puoi scrivere ai nostri esperti all’indirizzo email: esperti@anmil.it
Segnaliamo che, nel pubblicare il quesito, sarà nostra premura rendere i vostri dati anonimi nel rispetto della normativa sulla privacy, consultabile nella sezione di chiusura del portale sotto la dicitura “Privacy”.

Domanda:

Salve,
ho avuto un incidente nel gennaio 2009 e mi è stata riconosciuta una rendita Inail. Ad agosto del 2019 per la prima volta l’Inail mi invita a visita di revisione per il 23 settembre 2019.  Cosa succederà?  Mi verrà interrotta la rendita?
Grazie mille distinti saluti

Risposta:

Gentile signore,
la rendita viene sottoposta periodicamente a revisione con lo scopo di adeguare nel tempo l’indennizzo del danno assicurato alle reali condizioni di danno del lavoratore, affinché in caso di aggravamento della menomazione venga aumentata la rendita oppure diminuita in caso contrario.
Ciò per mantenere nel tempo l’equilibrio tra il danno subito e il suo indennizzo. In ordine alla tempistica, per gli infortuni sul lavoro la revisione può essere disposta dall’INAIL o richiesta dall’interessato entro 10 anni dalla data di decorrenza della rendita. Nello specifico, la prima revisione può essere richiesta o disposta solo dopo trascorso un anno dalla data di decorrenza della rendita.
Le visite successive alla prima possono essere effettuate:

– non prima di un anno dalla precedente (nei primi quattro anni il lavoratore può essere sottoposto a visita al massimo quattro volte);

– dopo i primi quattro anni sono possibili altre due revisioni dalla decorrenza della rendita:

– alla scadenza del settimo anno;

– alla scadenza del decimo anno.

Si precisa che l’ultima visita di revisione della rendita per infortunio, cioè quella fissata al decimo anno, è soggetta al termine di decadenza di un anno dal compimento del decennio. Essa va pertanto richiesta o disposta entro 10 anni + 1 dalla data di decorrenza della rendita. Detto ciò, dalle informazioni che ci ha fornito, quella che farà settembre è l’ultima visita di revisione possibile, rispetto alla quale l’INAIL, potrà aumentare, confermare o diminuire il Suo grado di invalidità.
Qualora l’INAIL in seguito alla visita dovesse riconoscerle un grado di invalidità inferiore rispetto a quello attuale, è possibile presentare ricorso amministrativo.
L’atto di opposizione deve essere inoltrato entro 60 giorni dal ricevimento della comunicazione da parte dell’INAIL.
Può comunque rivolgersi al Patronato ANMIL, anche attraverso il numero verde 800 180 943, qualora necessitasse di ulteriori informazioni in merito.

Spero di esserle stata d’aiuto.
Cordiali saluti

Inviaci il tuo quesito scrivendo a esperti@anmil.it

Guarda gli altri quesiti della sezione “Gli esperti rispondono”