Disabili: i requisiti per ottenere il beneficio dell’IVA agevolata

Se hai un quesito da sottoporci, i nostri esperti sono a disposizione! Entra in questa sezione!

Qui è possibile consultare i quesiti e le relative risposte, in materia di: disabilità, infortunio sul lavoro e malattia professionale.
Se hai una perplessità o sei alla ricerca di informazioni riguardanti il tuo caso specifico, puoi scrivere ai nostri esperti all’indirizzo email: esperti@anmil.it
Segnaliamo che, nel pubblicare il quesito, sarà nostra premura rendere i vostri dati anonimi nel rispetto della normativa sulla privacy, consultabile nella sezione di chiusura del portale sotto la dicitura “Privacy”.

Domanda

Buongiorno,
vorrei sapere se in qualità di invalido al lavoro riconosciuto dall’INAIL con una invalidità del 35%, ho diritto all’IVA agevolata al 4% per l’acquisto di un’autovettura, pur non avendo la certificazione di cui alla legge 104/92.

Risposta

Gentile signore,
il beneficio dell’IVA agevolata al 4% per l’acquisto di veicoli spetta ai soggetti:
– non vedenti, gli ipovedenti (con un residuo visivo non superiore a un decimo ad entrambi gli occhi) e sordi;
– disabili con handicap psichico o mentale (detentori dell’indennità di accompagnamento);
– disabili con grave limitazione delle capacità di deambulazione (anche persone che hanno subito pluriamputazioni) o con handicap grave derivante da patologie che comportano una limitazione permanente delle capacità motorie;
– disabili con ridotte o impedite capacità motorie – in questo caso il diritto alle agevolazioni è condizionato all’adattamento del veicolo.
In fase di acquisto è tenuto a consegnare al venditore i seguenti documenti:
– se disabile con grave limitazione della capacità di deambulazione, o pluriamputati, occorre il verbale di accertamento dell’handicap, emesso dalla Commissione medica dell’Asl (o da quella integrata ASL-INPS), dal quale risulti che il soggetto si trova in situazione di handicap grave (art. 3, comma 3, della legge n. 104 del 1992), derivante da patologie (comprese le pluriamputazioni) che comportano una limitazione permanente della deambulazione;
– se disabile con ridotte o impedite capacità motorie (ma non affetti da grave limitazione alla capacità di deambulazione), occorre il possesso di:
.  fotocopia della patente di guida speciale, o fotocopia del foglio rosa “speciale” (solo per i disabili che guidano);
.  fotocopia della carta di circolazione, da cui risulti che il veicolo dispone dei dispositivi prescritti per la conduzione di veicoli da parte di disabile titolare di patente speciale, oppure che il veicolo è adattato in funzione della minorazione fisico/motoria;
.  copia della certificazione di handicap o di invalidità rilasciata da una Commissione pubblica deputata all’accertamento di tali condizioni. In essa deve essere esplicitamente indicata la natura motoria della disabilità.
In entrambi è richiesta altresì:
-dichiarazione sostitutiva di atto notorio (autocertificazione) attestante che nel quadriennio precedente non si è beneficiato dall’applicazione dell’IVA agevolata;
-copia del documento di identità e del codice fiscale.
Detto ciò, dalle informazioni che ci ha fornito, non essendo in possesso della certificazione di grave handicap, potrà usufruire del beneficio dell’IVA agevolata solo nel caso di ridotte o impedite capacità motorie che richiedono l’adattamento del veicolo.

Inviaci il tuo quesito scrivendo a esperti@anmil.it

Guarda gli altri quesiti della sezione “Gli esperti rispondono”