Chiarimenti sui certificati medici di infortunio e malattia professionale

Se hai un quesito da sottoporci, i nostri esperti sono a disposizione. Entra in questa sezione!

Qui è possibile consultare i quesiti e le relative risposte, in materia di: disabilità, infortunio sul lavoro e malattia professionale.
Se hai una perplessità o sei alla ricerca di informazioni riguardanti il tuo caso specifico, puoi scrivere ai nostri esperti all’indirizzo email: esperti@anmil.it
Segnaliamo che, nel pubblicare il quesito, sarà nostra premura rendere i vostri dati anonimi nel rispetto della normativa sulla privacy, consultabile nella sezione di chiusura del portale sotto la dicitura “Privacy”.

Domanda:
Buongiorno, ho subito un infortunio sul lavoro e visto il momento particolare mi rivolgo al mio medico curante per i certificati di prosieguo e chiusura. Il medico mi chiede 30 euro a certificato, con regolare ricevuta. Posso farmeli rimborsare dall’INAIL e se si, come faccio? Grazie.

Risposta:
Gentile signore,
con decorrenza 1 gennaio 2019, in base a quanto stabilito dalla Legge di Bilancio 2019, nessun compenso può essere richiesto per il rilascio dei certificati medici di infortunio o malattia professionale (apertura, prosecuzione, chiusura). Sarà cura del Servizio Sanitario Nazionale provvedere al pagamento/rimborso dei certificati.
Detto ciò, in realtà il Suo medico avrebbe dovuto rilasciarle il certificato gratuitamente e farsi pagare/rimborsare dal Servizio Sanitario Nazionale.
Ad ogni modo, per il futuro il consiglio che possiamo darle è quello di rivolgersi direttamente presso l’area medico-legale della sede INAIL territorialmente competente che provvederà a rilasciarle gratuitamente il certificato di prosecuzione/chiusura degli atti.
Può comunque rivolgersi al Patronato ANMIL, anche attraverso il numero verde 800 180 943, qualora necessitasse di ulteriori informazioni.
Cordiali saluti.

Inviaci il tuo quesito scrivendo a esperti@anmil.it

Guarda gli altri quesiti della sezione “Gli esperti rispondono”