L’ANMIL ospite d’onore al centro Amazon di Passo Corese, primo in Europa per sicurezza

Nell’ultimo anno sono state erogate 42.000 ore di formazione in materia di sicurezza e investiti 675.000 euro in interventi di miglioramento del centro di distribuzione di Passo Corese, premiato come eccellenza a livello europeo. Nell’ultimo anno sono state erogate 42.000 ore di formazione in materia di sicurezza e investiti 675.000 euro in interventi di miglioramento del centro di distribuzione di Passo Corese, premiato come eccellenza a livello europeo.

Roma, 12 dicembre 2019 – Il centro di distribuzione di Passo Corese, aperto nel 2017, si è affermato in soli due anni come un’eccellenza dell’intera rete europea di Amazon in termini di sicurezza e, per festeggiare insieme ai dipendenti questo importante traguardo, sono state previste dall’azienda iniziative a sorpresa per il personale e, allo stesso tempo, è stata organizzata una visita dello stabilimento da parte di una delegazione dell’ANMIL, Associazione scelta dall’Azienda italiana a cui devolvere quest’anno una donazione finalizzata a sostenere le attività della Onlus.
“Garantire la sicurezza dei nostri dipendenti guida tutto ciò che facciamo e ogni decisione che prendiamo, affinché possano lavorare in un ambiente sicuro. Questo si traduce nell’aggiornamento costante delle nostre politiche di sicurezza e dei programmi di formazione per prevenire gli infortuni”, ha dichiarato Giovanni della Corte, responsabile sicurezza dei centri di distribuzione Amazon in Italia che, ieri, ha accolto il Presidente ANMIL e la delegazione.
Nel corso del 2018 l’azienda ha investito 2,8 milioni di euro in sicurezza ed erogato oltre 81.000 ore di formazione in Italia, di cui 42.000 nel centro di distribuzione di Passo Corese. Nell’ultimo anno nel sito reatino sono stati investiti 675.000 euro per progetti di vario tipo come ad esempio l’installazione di sistemi e pulsanti di emergenza per consentire il blocco istantaneo di macchine e nastri trasportatori, il potenziamento del sistema di valvole antincendio e l’implementazione di barriere per dividere l’area in cui operano i carrelli da quella destinata ai dipendenti.
Il riconoscimento ottenuto dal centro di distribuzione di Passo Corese è frutto del lavoro di tutti i suoi dipendenti a vari livelli e di un’attenzione costante da parte dell’azienda che ha condotto 14.000 audit interni su questo tema.
Anche gli operatori di magazzino hanno svolto un ruolo centrale nel raggiungimento di questo obiettivo attraverso i suggerimenti di miglioramento delle pratiche di sicurezza che possono presentare.
Alcune delle pratiche eccellenti per cui il centro di Passo Corese si è distinto sono: il presidio infermieristico operativo 24 ore su 24, la bacheca per i suggerimenti in materia di sicurezza e i controlli a cui si sottopongono tutti i dipendenti due settimane dopo il loro ingresso in stabilimento per ricevere i loro feedback e la revisione periodica di tutti i dispositivi di protezione individuale.
Nel corso della visita condotta direttamente dai membri del team Safety del centro di distribuzione, i rappresentanti ANMIL hanno inoltre avuto l’opportunità di interagire con i dipendenti che hanno presentato i suggerimenti in materia di sicurezza più significativi per l’azienda.
“La sicurezza nei luoghi di lavoro è un tema a cui dobbiamo dedicare tutti la massima attenzione – ha dichiarato Zoello Forni, Presidente Nazionale ANMIL al termine della visita presso il centro di Passo Corese –  e ringrazio Amazon per averci mostrato, con l’incontro odierno, la loro forte sensibilità su questo argomento. Purtroppo i più recenti dati sugli incidenti e le malattie professionali nel nostro Paese parlano di un fenomeno ancora troppo grave che è dovere di tutti noi combattere attraverso il rispetto delle norme e, ancor prima, con l’informazione e la sensibilizzazione nei luoghi di lavoro”.
“È fondamentale che iniziative come questa partano proprio dalle aziende, luoghi nei quali la prevenzione non deve essere considerata solo un adempimento burocratico, ma nei quali datori di lavoro e lavoratori possano collaborare per un obiettivo comune, accrescendo la propria consapevolezza e responsabilità”.
“Per quanto riguarda la donazione che Amazon ha effettuato con l’intento di aiutarci a sostenere le attività di sensibilizzazione realizzate da ANMIL in tutta Italia sulle tematiche legate alla sicurezza – ha concluso Forni – sapremo dare immediato seguito alla formazione di nuovi soci-testimonial affinché si rechino in aziende e scuole per rafforzare con impatto ed efficacia l’attenzione di lavoratori e studenti, come facciamo con impegno e dedizione da oltre 20 anni”.