ANMIL Sondrio presenta la Mostra “I Segni del Mestiere” di Campagnari per diffondere la sicurezza sul lavoro

COMUNICATO STAMPA

 

 

L’ANMIL DI SONDRIO PRESENTA LA MOSTRA “I SEGNI DEL MESTIERE”

DI CAMPAGNARI PER DIFFONDERE LA SICUREZZA SUL LAVORO

CON IL PATROCINIO DEL COMUNE

 

I.T. A. De Simoni – M. Quadrio di Sondrio, 26 marzo 2024

 

 

Sondrio, 26 marzo 2024 – Si intitola “I segni del mestiere. Testimonianze di sopravvissuti di fronte al lavoro” promossa dall’ANMIL (Associazione fra Lavoratori Mutilati e Invalidi del Lavoro) e con il Patrocinio del Comune di Sondrio, la Mostra multimediale di Lorenzo Campagnari, figlio di un invalido sul lavoro, che è stata inaugurata oggi, 26 marzo, nell’Istituto Tecnico A. De Simoni – M. Quadrio di Sondrio (Via Tonale, 14), e che sarà visitabile gratuitamente, fino al 12 aprile.

All’evento inaugurale sono intervenuti: Marco Scaramellini, Sindaco di Sondrio; Giorgia Lauretta, Responsabile ANMIL di Sondrio; Maddalena Ricciardi, Responsabile Provveditorato Sondrio in rappresentanza di Vincenzo Cubelli, Dirigente Ufficio Scolastico territoriale di Sondrio; Marcella Fratta, Assessore alla Cultura, Educazione e Istruzione al Comune di Sondrio; Raffaella Volpatti, Assessore ai Gemellaggi, Politiche giovanili, Pari opportunità, Politiche dei tempi e Servizi demografici al Comune di Sondrio; Maurizio Piasini, Assessore ai Servizi sociali al Comune di Sondrio;  Gianmaria Toffi, Dirigente scolastico dell’I.T. “A. De Simoni – M. Quadrio”; Giovanni Besio, Presidente del Consiglio dei Consulenti del Lavoro di Sondrio. Inoltre per l’ANMIL ci sono stati anche Gianfranco Alessandro Longhi, Presidente ANMIL di Lecco, Pietro Mercandelli, Presidente ANMIL della Lombardia e la testimonial Ester Intini.

A presentare la Mostra è venuto da Mantova il fotografo Lorenzo Campagnari.
Tra i presenti anche: Ing. Nicolò Brutti,
Vice Direttore del Comando dei Vigili del Fuoco di Sondrio; Paola Rocchetti e Andrea Locatelli di Snam Rete Gas, azienda che si occupa di trasporto e stoccaggio di gas naturale e di transizione energetica.

“Tutti conosciamo i terribili incidenti che hanno coinvolto giovani ragazzi che stavano svolgendo esperienze lavorative durante il percorso scolastico – dichiara Giorgia Lauretta – dimostrandoci che c’è ancora molto da fare per garantire a tutti, studenti e lavoratori, la massima tutela della propria incolumità e non bastano appelli o scioperi per dimostrare un’evidenza aberrante nel mondo del lavoro di cui siamo purtroppo testimoni”.

“C’è ancora molto da fare – conclude Lauretta – soprattutto nel mondo della scuola dove portiamo da anni le nostre testimonianze e siamo grati a Lorenzo che ha saputo raccontare con questo progetto fotografico, e continua a farlo costantemente, storie di ordinaria insicurezza”.

 

 

CARTELLA STAMPA: https://www.dropbox.com/scl/fo/b9ogh7fo6ai0jjqy8l10h/h?rlkey=bjhmrvopb1t23hadz7b9sz8se&dl=0