Report ISS, cambia la geografia dei contagi in Italia: nuovi cluster nel Sud del Paese a cura dell'Ufficio Salute e Sicurezza ANMIL

Roma, 10 agosto 2020 – La geografia dei contagi in Italia sta cambiando. Questo è quanto emerge dalle analisi dei dati messi a disposizione all’interno del nuovo report predisposto dall’Istituto Superiore di Sanità, secondo cui la distribuzione dei casi di contagio si sta infatti spostando verso il Sud del Paese. Se inizialmente la Lombardia annoverava il 60% circa della totalità dei casi, oggi essa è scesa al 20-25%, mentre nel Meridione e nelle Isole si passa da un 4% ad oltre il 20% del totale dei contagi.
Quanto invece all’origine dei casi, su un campione totale di 3508 nuovi infetti tra il 20 luglio e il 2 agosto 2020, 2025 vengono definiti autoctoni, 490 importati dall’estero e solo 47 provenienti da una regione italiana diversa da quella di notifica: ciò sta ad indicare che, a differenza di quanto si potesse pensare inizialmente, lo spostamento causa ferie e vacanze non è la principale causa di contagio nei luoghi più gettonati per la villeggiatura, quanto piuttosto un vero e proprio progressivo spostamento dei cluster e dei focolai.

Per approfondire:

https://www.epicentro.iss.it/coronavirus/bollettino/Bollettino-sorveglianza-integrata-COVID-19_4-agosto-2020.pdf