Le sentenze italiana, spagnola e belga sui riders e drivers a cura dell'Ufficio Salute e Sicurezza

Roma, 21 gennaio 2021 – L’European Trade Union Confederation (ETUC) ha invitato la Commissione europea ad intraprendere iniziative legislative a tutela dei lavoratori su piattaforma, alla luce delle recenti sentenze che negli Stati membri si sono espresse a tutela dei diritti e delle condizioni di lavoro dei riders e dei drivers su piattaforma.  
Il riferimento è, in primis, alla sentenza italiana del tribunale di Bologna del 31 dicembre 2020, che ha giudicato discriminatorio l’algoritmo di Deliveroo attraverso cui la piattaforma “declassava” i lavoratori per le assenze anche riconducibili a motivi assistenziali e di salute e allo sciopero.
In secondo luogo, una sentenza spagnola del 12 gennaio 2021 e una pronuncia belga del 13 gennaio 2021 hanno stabilito che i riders e i drivers delle piattaforme imputate (rispettivamente Deliveroo e Uber) erano incompatibili con lo status di lavoratori autonomi.

Per approfondire ETUC_platform_workers