Istat, a ottobre diminuito il numero di occupati

Roma, 7 dicembre 2020 – Stando a quanto riportato nel comunicato dell’INPS, basato su dati provvisori, ad ottobre il numero di occupati è diminuito, seppur leggermente, rispetto al mese precedente. Sono tuttavia al contempo aumentati i disoccupati. Il tasso di occupazione risulta esser rimasto stabile al 58,0%. Da segnalare l’aumento del numero di persone in cerca di lavoro (+0,4%, pari a +11mila unità), che ha riguardato gli uomini e gli under 50, mentre tra le donne e gli ultra 50enni si osserva i tal senso una lieve diminuzione. Come per quello occupazionale, anche il tasso di disoccupazione è rimasto stabile al 9,8% e tra i giovani è salito al 30,3% (+0,6 punti).
Il mese di ottobre ha fatto registrare un calo del numero di inattivi (-0,2%, pari a -26mila unità), frutto di una diminuzione tra le donne e i 25-49enni, di una sostanziale stabilità tra gli uomini e di un aumento nelle altre classi d’età. Il tasso di inattività è rimasto sostanzialmente fermo però al 35,5%.
Degni di nota anche gli sbalzi congiunturali, registrati tra marzo e giugno 2020, in grado di far sì che, anche nel mese di ottobre 2020, l’occupazione sia rimasta inferiore a quella registrata nello stesso mese dello scorso anno (-2%, pari a -473mila unità). La diminuzione coinvolge in pari modo uomini e donne di qualsiasi età, dipendenti (-319mila) e autonomi (-154mila). Il tasso di occupazione ha subito, in un anno, un calo di un punto percentuale.
Nell’arco dei dodici mesi in analisi, sono aumentate sia le persone in cerca di lavoro (+1,7%, pari a +43mila unità), sia gli inattivi tra i 15 e i 64 anni (+1,9%, pari a +257mila).

 

Per approfondire: https://www.istat.it/it/congiuntura