G20 Salute. “Assistenza sanitaria di base priorità per raggiungere copertura universale” a cura dell'Ufficio Servizi Istituzionali

29 ottobre 2019 – “L’assistenza sanitaria di base ha un ruolo chiave nel rafforzare i sistemi sanitari, ottenere una copertura sanitaria universale e affrontare i rischi per la salute”. È quanto contenuto nel comunicato finale del G20 Salute che si è appena concluso ad Okayama in Giappone e a cui ha partecipato il Ministro della Salute, Roberto Speranza. Il meeting ha focalizzato la sua attenzione su 3 temi prioritari: invecchiamento, copertura sanitaria universale (UHC) e sicurezza sanitaria, compresa la lotta contro la resistenza antimicrobica. “Riconosciamo – si legge nel comunicato finale – che l’assistenza sanitaria di base di alta qualità e sicura, compreso l’accesso ai medicinali, vaccinazione, alimentazione, acqua e servizi igienicosanitari, promozione della salute e prevenzione delle malattie oltre a gestire la resistenza antimicrobica è una pietra angolare per la copertura sanitaria universale”. Dal meeting è arrivato anche un nuovo appello sulle vaccinazioni: “Riconosciamo che l’immunizzazione è uno degli investimenti sanitari più convenienti con strategie comprovate che lo rendono accessibile a tutti i segmenti della popolazione. Esprimiamo la nostra preoccupazione per l’esitazione dei vaccini, come menzionato nelle Dieci minacce all’OMS per la salute globale nel 2019. Ci impegniamo a rafforzare i sistemi sanitari e l’accessibilità di vaccini sicuri, efficaci, di qualità e convenienti per l’immunizzazione sostenibile per ottenere un’elevata copertura vaccinale e fiducia nei vaccini”.

Per approfondire