Coronavirus, il Ministero del Lavoro posticipa l’accesso ai servizi esclusivamente tramite SPID a cura dell'Ufficio Servizi Istituzionali

13 marzo 2020 – In considerazione delle decisioni assunte dal Governo in merito all’attuale situazione sanitaria, il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha ritenuto doveroso posticipare l’accesso ai servizi online del Dicastero esclusivamente tramite SPID, il Sistema Pubblico di Identità Digitale.
L’importante intervento di digitalizzazione, che avrebbe dovuto decorrere da venerdì 13 marzo 2020, rischiava di vedere vanificato il suo effetto a causa delle misure legate al contenimento e alla gestione dell’emergenza epidemiologica.
In tale situazione, per i cittadini e per le aziende potrebbe essere difficile ottenere lo SPID. Si tratta, del resto, di una situazione straordinaria che necessita l’ascolto, la sinergia e l’adozione di misure ad hoc per sostenere i cittadini, i lavoratori e le imprese.
Come noto, infatti, le misure varate fino a oggi vanno nella direzione di limitare gli spostamenti non strettamente necessari e per questa ragione sono sospese le attività di qualsiasi natura – svolte in ogni luogo sia pubblico che privato – che comportino “aggregazione” di persone. Le limitazioni sull’intero territorio nazionale coinvolgono anche gli ambienti di lavoro, incentivando per questi ultimi il ricorso allo smart working, anche all’interno della Pubblica Amministrazione.
A tal fine, il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali intende rassicurare gli utenti che, in questa fase emergenziale, potranno continuare a utilizzare le credenziali del portale Cliclavoro. Sarà cura del Dicastero informare gli utenti della successiva data di entrata in vigore dell’accesso tramite SPID, in considerazione degli eventuali mutamenti dello scenario emergenziale.