Lavoro, quattro feriti e un morto tra ieri e oggi

Roma, 27 luglio 2021 – Investito da un carrello elevatore condotto da un collega. È quanto accaduto nella notte tra ieri e oggi alla Baomarc di Lanciano, in provincia di Chieti. L’operaio, 56 anni, residente ad Atessa, nell’impatto con il carrello che procedeva in retromarcia ha riportato un trauma da schiacciamento alla gamba destra con frattura della tibia e del perone ed è stato operato all’ospedale di Chieti dove i sanitari del 118 lo hanno trasportato. La Baomarc è un’azienda cinese che lavora per l’indotto Sevel (automotive) e si occupa di saldatura e stampaggi.
È finito invece tragicamente l’incidente occorso a un giovane operaio travolto dal rimorchio durante una manovra di aggancio. L’uomo di 28 anni stava lavorando in un campo agricolo di Lacedonia, in provincia di Avellino. L’incidente è avvenuto poco dopo mezzogiorno di ieri in località San Vito. Il giovane autotrasportatore, originario della provincia di Salerno, è rimasto schiacciato dal rimorchio carico di balle di fieno durante la manovra di aggancio alla motrice ed è morto sul colpo.
Il bilancio di oggi registra un ferito grave, un operaio di 48 anni, che è rimasto gravemente ferito da un’esplosione che lo ha investito mentre stava lavorando come saldatore. È accaduto a Carzago della Riviera, in provincia di Brescia, all’interno di un’officina che produce motori da aereo.
Un altro ferimento piuttosto serio si è verificato a Levico Terme, in provincia di Trento, dove un uomo di 55 anni mentre stava legando con delle cinghie il carico ad un mezzo è stato colpito violentemente in volto dalla cinghia che ha improvvisamente ceduto sotto il peso eccessivo. Il colpo ha provocato un forte sanguinamento e una trauma facciale.