La gru perde il carico, morto un operaio di 51 anni

Roma, 27 marzo 2024 – In un tragico episodio che sottolinea ancora una volta i pericoli affrontati quotidianamente nei luoghi di lavoro, un operaio di 51 anni, Vasile Tofan, ha perso la vita in un incidente sul lavoro avvenuto sul cantiere della scuola Collodi, situata in via Torricelli a Fidenza. Questo drammatico evento si inserisce in una serie di infortuni mortali che continuano a segnare profondamente il mondo del lavoro, sollevando interrogativi sulla sicurezza e le misure preventive in atto. I fatti si sono svolti durante un’operazione di adeguamento sismico dell’edificio scolastico, un intervento necessario per garantire la sicurezza degli studenti e del personale in caso di terremoti. Le indagini preliminari, condotte dai carabinieri, puntano a ricostruire con precisione la catena di eventi che ha portato a questo fatale esito. Secondo le prime informazioni, l’incidente sarebbe stato causato dalla perdita di un carico trasportato da una gru, il quale ha colpito con violenza l’operaio, che stava lavorando per la ditta incaricata dei lavori. Il quadro dei traumi riportati da Vasile Tofan è grave e variegato, con lesioni alla testa, agli arti superiori e inferiori, segno dell’impatto devastante e della gravità dell’accaduto. Nonostante la pronta risposta dei servizi di emergenza, giunti tempestivamente sul posto, ogni tentativo di soccorso si è rivelato vano. L’operaio è stato ritrovato privo di vita ai piedi della gru, in una scena che ha lasciato un segno indelebile nei cuori di tutti coloro che ne sono stati testimoni. Questo incidente pone nuovamente l’accento sull’importanza della sicurezza sul lavoro e sull’urgente necessità di rivedere e rafforzare le misure di protezione per i lavoratori impegnati in attività ad alto rischio. La comunità di Fidenza, così come il settore edile nel suo complesso, si trova ora a dover riflettere su come prevenire al meglio questi tragici eventi, affinché la vita degli operai non venga più messa in pericolo a causa di lacune nelle normative di sicurezza o di attenzioni mancate.