Tutti possono associarsi all’ANMIL. Scopriamo le diverse modalità:

  • Coloro che hanno subito un infortunio sul lavoro, contratto una malattia professionale o sono superstiti di un familiare deceduto per cause di lavoro e percepiscono una rendita da parte dell’INAIL, possono iscriversi in qualità di Soci ordinari firmando una delega (presso la sede ANMIL) che autorizza l’INAIL a prelevare mensilmente dalla propria rendita solo lo 0,5% che viene versato all’ANMIL.
  • Gli infortunati che sono stati liquidati in capitale dall’INAIL, nonchè coloro che si sono infortunati all’estero o che sono titolari di rendita infortunistica rilasciata da ente pubblico diverso dall’INAIL, possono iscriversi all’Associazione in qualità di Soci ordinari e pagare la loro quota  direttamente alla Sezione di appartenenza. La quota in questione è di € 15,00 per i liquidati in capitale e un minimo di € 15,00 ed un massimo di € 25,00 per gli altri.
  • I familiari conviventi con i Soci ordinari possono richiedere di diventare Soci aggregati e usufruire dei servizi messi a disposizione dall’Associazione gratuitamente.
  • Possono diventare Soci aggregati anche gli infortunati sul lavoro con postumi non indennizzabili, pagando una quota sociale annua di € 15,00.
  • Le persone con disabilità non legate a cause lavorative,  possono iscriversi all’Associazione in qualità di Socio sostenitore, pagando una quota sociale annua di € 20,00.
  • Possono diventare Soci sostenitori anche coloro che non hanno alcun tipo di invalidità ed in questo caso la quota sociale parte da € 25,00 l’anno.
  • Infine, possono iscriversi in qualità di Soci sostenitori anche gli enti pubblici, le persone giuridiche o fisiche che ricoprono cariche istituzionali, versando una quota sociale minima di € 50,00 annui.

Per maggiori informazioni chiama il numero verde 800.180.943.
Entra a far parte di una grande famiglia!