Mattarella: riflessione sulla violenza contro le donne, è emergenza pubblica

Roma, 25 novembre 2020 – Si celebra il 25 novembre la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne. I femminicidi in Italia da inizio anno sono stati 91: una donna uccisa ogni tre giorni. Il lockdown ha visto triplicare il fenomeno, ha sottolineato il presidente del consiglio Conte. Ma il fenomeno è mondiale: il segretario dell’Onu Antonio Guterres lo ha definito “una pandemia ombra”. Secondo Sergio Mattarella è “un’emergenza pubblica”. Il Presidente così dichiara: “La ricorrenza di oggi induce a riflettere su un fenomeno che purtroppo non smette di essere un’emergenza pubblica. Le notizie di violenze contro le donne occupano ancora troppo spesso le nostre cronache, offrendo l’immagine di una società dove il rispetto per la donna non fa parte dell’agire quotidiano delle persone, del linguaggio privato e pubblico, dei rapporti interpersonali”. ” Le istituzioni – sostiene Mattarella – hanno raccolto il grido di allarme lanciato dalle stesse donne e dalle associazioni che da decenni sono impegnate per estirpare quella che è, ancora in troppe situazioni, una radicata concezione tesa a disconoscere la libertà delle donne e la loro capacità di affermazione. Per questo resta fondamentale, per le donne che si sentono minacciate, rivolgersi a chi può offrire un supporto e prevenire la degenerazione della convivenza in violenza”.
Così la presidente del Senato Maria Elisabetta Casellati partecipando alla maratona web del gruppo Qn per la Giornata: In questa ricorrenza, come ogni anno, le parole che si potrebbero usare sono tante. Ne scelgo tre: discriminazione, solitudine e dolore. Ma sono i numeri a restituirci la sua immagine più tragica ed eloquente: nel 2019 le vittime di femminicidio nel nostro Paese sono state 96. Una donna uccisa ogni tre giorni. Un caso di stalking o maltrattamento ogni quarto d’ora. Oltre 2 mila gli orfani di madri che non ci sono più. Sono i numeri di una “mattanza” inaccettabile. Sono la fotografia più nitida di un fenomeno drammatico che negli ultimi terribili mesi di pandemia si è ulteriormente aggravato”.
È in tale occasione, infine, che Radio ANMIL Network ha dedicato le trasmissioni del 25 novembre alle donne promuovendo l’abolizione di qualsiasi tipo di violenza, sia fisica che psicologica. Per informazioni sulla diretta delle ore 15.00: https://www.anmil.it/webradio-anmil/29664/ 

#SergioMattarella #sicurezza #prevenzione #giornatainternazionaledellaviolenza #femminicidio