ANMIL Udine incontra l’ITS Marinoni e sensibilizza gli studenti con “OCJO, la sicurezza va in scena”

Roma 2 febbraio 2022 – Poche ore prima della scomparsa di Lorenzo Parelli, lo studente friulano che ha perso la vita a soli 18 anni a causa di un incidente durante il suo ultimo giorno di stage nel periodo di alternanza scuola – lavoro, all’ITS Marinoni di Udine altri giovani studenti avevano assistito a “Ocjo, la sicurezza va in scena”, un’iniziativa promossa dall’ANMIL di Udine per sensibilizzare i giovani sul tema della cultura della prevenzione e della sicurezza nei luoghi di lavoro.
Dopo i saluti del Dirigente Scolastico Prof.ssa Annamaria Zilli e del Presidente ANMIL di Udine Luigi Pischiutta, Flavio Frigé, grande invalido del lavoro e Socio ANMIL di Udine insieme a Bruzio Bisignano, lavoratore Siderurgico e Formatore, hanno messo in scena lo scorso 21 gennaio uno spettacolo ridotto appositamente per l’aula magna della scuola e a cui hanno assistito le classi 5B, 4c, 3E e 3G dell’indirizzo Grafica e Comunicazione.
«Apprendere della morte di Lorenzo è stato scioccante, tanto più che proprio in quella mattinata avevamo parlato di sicurezza agli studenti di una superiore a Udine», ha dichiarato il Presidente Pischiutta a “Il Friuli”. «Se ai ragazzi facciamo raccontare da uno dei nostri associati la sua storia, otteniamo molto più di una lezione sulle norme. È indispensabile insistere sulla formazione a scuola e sul lavoro». 
L’iniziativa è stata molto apprezzata dagli studenti. «“Ocjo” ci ha fatto aprire gli occhi sulla nostra sicurezza, su come comportarsi e non dare mai niente per scontato – ha dichiarato Anna, studentessa della 3E a “il Gazzettino” -. Spesso sottovalutiamo importanti particolari. La morte di Lorenzo Parelli ha colpito tutti. Lorenzo sappi che hai svegliato tutto il paese, tutta l’Italia».
«“Ocjo” è stata una rappresentazione che mi ha fatto capire quanto vale la vita e quanto sia facile perderla» ha continuato Romina, a cui si è aggiunto il commento di Emily: «La testimonianza di una persona rimasta invalida a causa del lavoro, raccontata con una serenità probabilmente guadagnata dopo molto lavoro su di sé, è veramente toccante».

Clicca qui per visualizzare la locandina realizzata da Micaela Salmone, studentessa della 5BGC

Clicca qui per leggere l’articolo su “Il Gazzettino”

Clicca qui per leggere l’articolo su “Il Friuli”

Per saperne di più, clicca qui 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.