Insediato il Tavolo tecnico per accessibilità dei Trasporti

2 febbraio 2024 – Il 30 gennaio si è svolta, presso la sede del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, la prima riunione del tavolo tecnico di lavoro per il miglioramento della mobilità e dell’accessibilità del sistema dei trasporti, istituito con decreto del  Ministro Matteo Salvini e del Ministro per le Disabilità Alessandra Locatelli. Per ANMIL era presente il vicepresidente David Magini, indicato quale rappresentante dell’associazione per prendere parte ai lavori.
Il Tavolo, che avrà la durata di sei mesi, si occuperà di approfondire le problematiche nei diversi settori dei trasporti pubblici e privati, al fine di garantire un miglioramento dei servizi per le persone con disabilità. 
I Ministri Locatelli e Salvini in apertura dei lavori hanno voluto sottolineare come migliorare l’accessibilità e la fruibilità dei mezzi di trasporto sia il primo passo per favorire l’inclusione e la partecipazione alla vita lavorativa, sociale e relazionale delle persone con disabilità. Il Ministro Salvini ha quindi affermato la necessità di lavorare su proposte che possano essere affrontate subito, altre nel medio periodo e alcune sulle quali ragionare a più ampia scadenza per agire sulla progettazione degli stessi mezzi e delle stazioni ferroviarie, portuali e aeroportuali, nonché su nuove e più agili modalità di acquisto dei servizi. Per affrontare questi importanti temi sono stati dunque coinvolti i rappresentanti del mondo della disabilità (Fand e Fish) e tutti gli stakeholder che si occupano dei servizi aerei, ferroviari, su gomma, su acqua e anche nei diversi contesti territoriali.
Il tema dell’accessibilità ai trasporti e il rispetto del diritto alla mobilità in autonomia toccano da vicino la vita di tante famiglie e questo tavolo rappresenta un ulteriore segnale di attenzione ai diritti delle persone con disabilità, nonché di azione condivisa ed efficace.
Già dalla prossima settimana saranno calendarizzati degli incontri che presumibilmente si svolgeranno da remoto per entrare nel vivo dei lavori per poi arrivare fra 6 mesi alla condivisione di un documento di proposte da presentare ai Ministri.