2 febbraio 2021 – Nella giornata di ieri, una conferenza stampa online ha presentato il progetto “Discovering Diversity – Sulle tracce della diversità”, un videogioco che mira ad educare alla diversità in tutte le sue sfaccettature.
Il progetto è frutto della fervida collaborazione tra ITRIA (Itinerari Turistico Religiosi Interculturali e Accessibili), la Fondazione Giovanni Paolo IICEAM (Conferenza Episcopale di Abruzzo e Molise), ICOMOS Italia (Consiglio Internazionale dei Monumenti e dei Siti), CIA Abruzzo (Confederazione italiana Agricoltori), il Consiglio d’Europa (Ufficio di Venezia), l’ENAT (European Network for Accessible Tourism), l’APT Basilicata (Agenzia di Promozione Territoriale), il Comune di Castel del Giudice (Isernia) e Design for All Italia.
“Discovering Diversity”
ha come protagonisti ragazzi di diverse culture e religione ed anche personaggi che rappresentano adolescenti portatori di disabilità che vengono invitati dai loro insegnanti a fare una ricerca su un territorio, alla scoperta delle bellezze del patrimonio culturale, sia materiale che immateriale. Il format prevede, per ogni episodio, la scoperta di un territorio italiano – si parte da Molise e Basilicata – ma mira ad estendere i suoi contenuti all’Europa per poi proseguire con il resto del mondo.
Il gioco prevede una parte “interattiva” di competizione: infatti, per superare alcuni livelli, sarà necessario recarsi fisicamente nei luoghi interessati e trovare indizi materiali all’interno della reale scenografia della competizione online.
«La diversità come ricchezza – commenta Dino Angelaccio, Presidente dell’ITRIA – e come tema che unisce e non separa: questo videogioco, infatti, permetterà a chiunque di giocare, indipendentemente dalle sue caratteristiche fisiche, sensoriali, anagrafiche, linguistiche, culturali e religiose. E lo potrà fare anche attraverso l’utilizzo della sottotitolazione multilingua, la possibilità di selezionare l’interprete della propria lingua dei segni, di regolare la luminosità, il campo visivo, le palette cromatiche, i livelli audio, la velocità del gioco, la semplificazione dei comandi e molto altro ancora».
Il videogioco sarà scaricabile da Playstore o dall’App store.