FESTA PER LA SICUREZZA SUL LAVORO


Per informazioni: tel. 06 54196334 - fax 06 5402248 - coordinamentoufficiocomunicazione@anmil.it

ANMIL E IL COMUNE DI TERRACINA SONO TORNATI INSIEME PER LA SECONDA EDIZIONE DI #PRIMOMAGGIOTERRACINA PER LA SICUREZZA SUL LAVORO

 

La lunga staffetta di eventi che ha visto nell’ultima settimana l’ANMIL (Associazione Nazionale fra Lavoratori Mutilati e Invalidi del Lavoro) impegnata in numerose iniziative è culminata con la II edizione di “#primomaggioterracina - Festa per la sicurezza sul lavoro”, organizzata dalla collaborazione tra l'Associazione e il Comune di Terracina che, in occasione della Festa dedicata ai lavoratori, patrocinata dalla Regione Lazio, dalla “SIAE” e con il contributo del Centro Orizzonte, ha visto dedicare l’intera giornata al tema in un’alternanza di emozioni tra musica e testimonianze di vittime del lavoro e attori direttamente coinvolti sul tema.

 

 

A partire dalla partecipazione alla significativa cerimonia ristretta che si è svolta alle ore 10.15, con la deposizione di una corona d’alloro da parte del Presidente Mattarella al monumento ai caduti sul lavoro situato davanti alla sede centrale INAIL a Piazzale Giulio Pastore, il Presidente nazionale ANMIL, Franco Bettoni, è stato presente alla tradizionale Cerimonia del 1° maggio in Quirinale.

 

 

Invece, dalle ore 12.30, ha preso il via dal palco sull’Arena del Molo di Terracina (LT) la manifestazione #primomaggioterracina che si è aperta con i saluti dell’Assessore del Comune di Terracina, Danilo Zomparelli, del Presidente regionale ANMIL Domenico Loffreda, del Presidente dell’ILA (Ispettori del Lavoro Associati con cui ANMIL ha sottoscritto un protocollo di intesa per promuovere iniziative di sensibilizzazione) Gerardo Lanza e del Presidente della Proloco e della Protezione Civile di Terracina Luca Brusca, e si è chiusa questa prima parte con la consegna di Attestati e Targhe da parte dell’ANMIL ai Presidenti e ai volontari delle Associazioni (Associazione Nazionale Carabinieri Protezione Civile Terracina, Associazione Nazionale Polizia di Stato Gruppo Volontari Protezione Civile Terracina, Associazione di Protezione Civile e di Pubblica Assistenza "Centro Operativo Circe" Terracina / Priverno, Gruppo Comunale Volontari Protezione Civile Città di Terracina, Falchi Volontari di Protezione Civile Fondi) facenti parte della Protezione Civile che si sono prodigati lo scorso anno nel supporto alla popolazione di Amatrice e per le attività di antincendio.

 

 

 “La giornata del 1° maggio riveste un’importanza davvero molto significativa per la nostra Associazione in quanto uno dei diritti costituzionalmente garantiti, ovvero il rispetto della salute e della tutela dei lavoratori anche in caso di infortunio. Ma gli infortuni che - dobbiamo ricordarlo - sono sempre tutti evitabili, rimangono una piaga nel nostro paese a cui si dà poca importanza se, come attestano le denunce sugli infortuni nei giorni scorsi pubblicate dall’INAIL relative al primo trimestre 2018, parlano di un aumento di ben l’11,6% rispetto allo stesso trimestre del 2017, per non parlare del fatto che oltre ai 1018 morti sul lavoro del 2016 nessuno ricorda i 490 morti a seguito di malattie professionali dello stesso anno (ultimo dato disponibile)”.

 

Alle dichiarazioni del Presidente Bettoni si associa con solidarietà e piena condivisione il Sindaco di Terracina, Nicola Procaccini, il quale alla vigilia della manifestazione ha dichiarato: “Dopo la riuscita della precedente edizione di #primomaggioterracina, la nostra amministrazione è stata compatta nel voler dare un segnale di forte attenzione al tema della sicurezza sul lavoro, invitando la popolazione a riflettere sull’importanza della prevenzione degli infortuni sul lavoro in occasione di una giornata fortemente simbolica. Sicuramente quando la musica sposa i valori legati al lavoro e, in particolare, al rispetto della salute dei lavoratori, è molto importante riuscire a parlare non solo a chi lavora ma anche a chi dà lavoro, soprattutto in questo momento di crisi in cui, pur di lavorare, si è disposti ad accettare qualunque attività. Ci tengo, inoltre a sottolineare che, per noi, questo è uno dei momenti più importanti dell’anno in quanto Terracina è una realtà che vive prevalentemente sul turismo stagionale; per questo le offerte di lavoro hanno spesso una durata ridotta a pochissimi mesi, quindi con un’elevata concentrazione di domanda che vede ricorrere all’impiego di risorse con scarsa preparazione e formazione, mentre quest’ultima dovrebbe essere vista come un aspetto su cui puntare per fare la differenza in termini di qualità e fidelizzare la clientela. Dunque un concerto con gli interventi e le testimonianze che abbiamo previsto può certamente diventare un momento di riflessione per i giovani che più di tutti hanno bisogno di comprendere il valore della formazione alla quale, negli Istituti del nostro territorio, chiediamo di dedicare la dovuta attenzione”.

 

 

Per arricchire di valore la giornata, prima di cominciare la maratona musicale con artisti che si  sono esibiti anche sul palco del Concertone in piazza San Giovanni, grazie al Presidente  della ASD ANMIL SPORT Italia, Pierino Dainese, e ad alcuni atleti paralimpici, dalle ore 10.00, sul Lungomare Circe di Terracina, sono stati organizzati tornei di Calcio Balilla tra persone con disabilità e normodotati e dimostrazioni e prove di utilizzo dell’handbike, che sono proseguite per l’intera giornata. 

A partire dalle ore 14.00, la giornalista Luce Tommasi -  la quale ha condotto la maratona che è andata avanti per oltre 8 ore - ha affidato al  Dj Amaro l’avvio dello spettacolo cui si sono susseguite le performance di: Alfiero, Erbe Officinali, Inna Cantina, Giancane, Esposito, Mirkoeilcane e Wrongonyou, che sono state intervallate dalle ospitate incentrate sulla tematica della sicurezza sul lavoro con testimonianze ed interventi: del Sindaco di Terracina, Nicola Procaccini; del Consigliere regionale del Lazio, Enrico Forte; del Presidente di ANMIL Sport Italia, Pierino Dainese, degli invalidi sul lavoro Claudio Casale, Massimo Chiappetta, Gianni Del Vescovo, Remo Fratarcangeli e della vedova Debora Spagnuolo consigliera nazionale dell’ANMIL.