1a Marcia Nazionale ANMIL per la Sicurezza sul Lavoro


Per informazioni: tel. 06 54196334 - fax: 06 5406776 - email: ufficio.stampa@anmil.it

Caronte non ha fermato i partecipanti alla Marcia Assisi che hanno superato ogni aspettativa con oltre 3000 persone.
 

Si è svolta il 30 giugno ad Assisi la 1ª Marcia nazionale per la sicurezza sul lavoro, alla quale hanno preso parte circa 3.000 cittadini provenienti da tutta Italia per testimoniare con l’ANMIL insieme a esponenti istituzionali, associazioni e organizzazioni che operano nel mondo della prevenzione e della sicurezza in ambito lavorativo, nonché rappresentanti del mondo sindacale per sottolineare che non ci deve essere né disinteresse né accettazione verso eventi troppo spesso ritenuti – a torto – frutto di tragiche fatalità, mentre il sistema di tutela delle condizioni di lavoro, le norme antinfortunistiche, ogni possibile strumento o iniziativa in grado di preservare la salute e la vita dei lavoratori e l’assicurazione pubblica contro gli infortuni, non possono essere sacrificati. 
In apertura della marcia, intorno alle ore 10.00, nel luogo del raduno, presso la Basilica di S. Chiara, prima di dare il via ad una suggestiva ed emozionante sfilata per le vie del centro storico fino alla Basilica di S. Francesco, hanno portato un brevissimo messaggio di solidarietà e condivisione di intenti alcune delle numerose autorità presenti: il Sindaco di Assisi Claudio Ricci che ha sostenuto la manifestazione, il Presidente nazionale ANMIL Franco Bettoni, il Segretario generale UGL Giovanni Centrella, il Segretario confederale CISL Fulvio Giacomassi, il Segretario confederale UIL Paolo Carcassi e il Resp. Salute e Sicurezza sul lavoro CGIL Sebastiano Calleri. 
Al termine della Marcia, alle ore 12.00, nella Basilica papale di S. Maria degli Angeli, il Vescovo di Assisi, Nocera Umbra e Gualdo Tadino, S.E. Mons. Domenico Sorrentino, ha celebrato una Messa commemorativa di tutte le vittime del lavoro.
La Marcia che, per questo primo anno, è stata ospitata ad Assisi, un luogo simbolo per questo tipo di manifestazioni, grazie alla disponibilità anche della Regione Umbria e della Provincia di Perugia, diventerà un appuntamento annuale che l’ANMIL vuole condividere anche con le istituzioni e i sindacati nella convinzione che questa manifestazione promuove un tema che non può vedere separazioni o interessi di categoria.